Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 27 Settembre 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Paella sfiziosa di Giusy Liliana Pellegrino  - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

2

3

Testo

Stampa

Paella sfiziosa di Giusy Liliana Pellegrino 

26 Maggio 2019 09:00, di staff
Paella sfiziosa di Giusy Liliana Pellegrino
visite 1213

Paella sfiziosa di Giusy Liliana Pellegrino  Ecco finalmente la ricetta del piatto che si classifica al PRIMO POSTO, nella simpatica gara che pubblichiamo questa dettimana nella rubrica della "Ricetta del Giorno".
Aumenta  sempre più l'interesse su queste proposte ideate dagli utenti di "e chi è cannamela" il gruppo Facebook per la nostra rubrica sul cibo e la gastronomia.Vogliamo particolarmente complimentarci con la Signora Giusy Liliana Pellegrino, per aver descritto minuziosamente sia gli ingredienti di questa eccellente ricetta, che dettagliatamente le fasi di preparazione.
La paella

  • 3 spicchi Aglio (Con la buccia)
  • 1 Peperone Rosso (Misura media)
  • 500 g Seppia
  • 500 g Calamari
  • 60 g Passata Di Pomodoro
  • 150 g Piselli Surgelati
  • 500 g Cozze
  • 500 g Vongole Veraci
  • 4 Gamberoni
  • 450 g Riso Arborio
  • 250 ml Olio Extravergine D’oliva
  • q.b. Sale
  • 900 ml Brodo Di Pesce (La regola è quella del 2:1 -cioè il doppio di brodo rispetto al riso, ma ti consiglio di preparare anche 1,5 l, perché potrebbe servire qualcosa in più per ultimare la cottura del riso.
Di seguito troverai gli ingredienti per fare un brodo molto saporito.)
Per il brodo di pesce
  • 1 Testa Di Salmone 
  • 1 Pomodori (Medio e ben maturo)
  • 1 Cipolla
  • 2 litri Acqua
  • q.b. Sale

Preparazione

Fase 1: preparazione del brodo
  • Riempire la pentola con l’acqua ed aggiungere la testa di salmone, la cipolla, il pomodoro diviso in due ed il sale. Mettere il coperchio e, a fiamma alta, fare raggiungere il bollore;
  • Abbassare la fiamma bassa e cuocere per almeno 2 ore;
  • brodo di pesce per paella
  • Colare il brodo, e misurare quello necessario (2:1 – deve essere il doppio rispetto alla quantità di riso da cucinare -, quindi 900 ml di brodo per 450 g di riso);
  • Mettere da parte il brodo che avanza, perché potrebbe servire a fine cottura del riso.
Fase 2: cottura delle cozze e delle vongole
  • Immergere le vongole in acqua fredda salata per un paio d’ore (per ogni litro d’acqua, aggiungere 30 g di sale). Questo servirà a farle aprire ed a fare uscire l’eventuale sabbia che contengano;
  • Lavarle poi bene sotto l’acqua corrente ed scartare quelle rotte e/o aperte;
  • Pulire per bene le cozze, scartando quelle rotte e/o aperte: tirare via con le mani il filamento che esce dal lato della cozza e raschiare con un coltello le incrostazioni ed eventuali crostacei attaccati al guscio. Con una retina metallica, strofinare le cozze e sciacquarle bene sotto l’acqua corrente;
  • Versare un filo d’olio extravergine di oliva in una pentola, aggiungere un pizzico di pepe nero e la spremuta di uno spicchio di limone, e riscaldare;
  • Versare le vongole, mettere il coperchio ed farle aprire a fuoco medio-alto;
  • Appena aperte, toglierle con la schiumaiola e metterle da parte dentro una ciotola;
  • Continuare la cottura delle vongole, scartando quelle che non si apriranno;
  • Quando saranno tutte cotte, filtrare il brodo che si sarà formato e riservare;
  • Versare nuovamente un filo d’olio extravergine di oliva dentro la pentola, aggiungere un pizzico di pepe nero e la spremuta di uno spicchio di limone, e riscaldare;
  • Cuocere le cozze allo stesso modo delle vongole, scartando quelle che non si apriranno;
  • Filtrare anche il brodo delle cozze e metterlo da parte insieme a quello delle vongole;
  • Una volta si saranno raffreddate le cozze, separare i gusci delle cozze e scartare quello che non contiene il mollusco.
Fase 3: preparazione dei calamari, delle seppie e dei gamberoni
  • Pulire bene i calamari e le seppie, Tagliare le seppie a tocchetti ed i calamari ad anelli, mettere il tutto in un colapasta, così che coli tutta l’acqua;
  • Mettere da parte per la successiva cottura.
Fase 4: preparazione delle verdure
  • Lavare gli spicchi d’aglio, senza togliere la pelle (questo modo di cucinare l’aglio si conosce come “aglio in camicia”), ed asciugare bene;
  • Lavare il peperone, togliere i semi e tagliare a strisce larghe 1 cm circa;
  • Fase 5: preparazione della paella di pesce spagnola
  • Versare l’olio extravergine di oliva nella paellera (dovrà riempire buona parte del centro della padella) insieme l’aglio, e soffriggere;
  • Aggiungere il peperone e soffriggere;
  • Unire la seppia ed i calamari, e soffriggere il tutto a metà cottura, aggiungere i gamberoni. Soffriggere da entrambi i lati e tirare fuori non appena saranno cotti.
  • Aggiungere la passata di pomodoro. A metà cottura, aggiungere i piselli. Soffriggere;
  • Versare il brodo di pesce e quello delle cozze e delle vongole mescolare attendere il bollore;
  • Aggiungere la miscela per paella e mescolare;
  • Unire le vongole e le cozze preparate precedente, 
  • Quando il brodo raggiunge il bollore, versare il riso,da questo momento, il riso non andrà più mescolato! Si può, eventualmente, scuotere ogni tanto la padella. 
  • Unire i gamberoni cotti precedentemente ed attendere la completa cottura del riso.. Se a cottura quasi ultimata, si vede che il riso è troppo crudo ed il brodo si è completamente asciugato, è possibile aggiungere un po’ di brodo caldo Il riso della paella non deve risultare brodoso ed appiccicoso ma asciutto e sciolto;
  • Togliere la paellera dal fuoco e fare riposare per circa 5 minuti prima di impiattare questa deliziosa paella di pesce spagnola

Buon appetito da Giusy Liliana Pellegrino
NB potete esprimere il vostro gradimento cliccando sulle "faccine" e condividendo sui Social, utilizzando i relativi bottoni visibili in alto in questa pagina, Grazie

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings