Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 12 Agosto 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Passalacqua: attività militare a Birgi, danni per il traffico civile? - Trapani Oggi

0 Commenti

3

0

4

1

0

Testo

Stampa

Trapani-Erice

Passalacqua: attività militare a Birgi, danni per il traffico civile?

11 Gennaio 2013 16:12, di Salvatore Morselli
Passalacqua: attività militare a Birgi, danni per il traffico civile?
visite 270

Il recente arrivo all’aeroporto militare di Trapani Birgi dei nuovi caccia dell’Aeronautica e dei cosidetti “droni” ha portato l’esponente di SEL e capo del gruppo misto, Ignazio Passalacqua a chiedere al Commissario Straordinario della Provincia Regionale di Trapani notizie sull’attività militare all’interno dell’aerostazione di Birgi e se tale attività comporterebbe limitazioni al traffico passeggeri del “Vincenzo Florio”. Se cosi fosse, afferma Passalacqua, occorre che il Consiglio Provinciale si opponga ad una massiccia attività militare finalizzata ad operazioni di guerra sul territorio della provincia di Trapani. Una presa di posizione che nasce dall’aver Passalacqua appreso “da notizie di stampa che potrebbero esserci nelle prossime settimane dei disagi e delle limitazioni al traffico aeroportuale dovute alle missioni top secret degli aerei senza pilota delle forze armate USA schierati nella stazione aeronave di Sigonella (Global Hawk, Predator e Reaper). Con l’emissione di specifiche notificazioni ai piloti di aeromobili (Notam) in transito nello scalo trapanese, è stato imposto, prima sino al 28 novembre 2012, poi in proroga fino al 25 febbraio 2013, la sospensione delle procedure strumentali standard nelle fasi di accesso, partenza e arrivo degli aerei. I Notam specificano che le sospensioni sono dovute all’attività degli “Unmanned Aircraft”, i famigerati droni utilizzati per le operazioni di spionaggio, la guida di attacchi aerei ed il lancio di bombe e missili teleguidati. Tutto ciò, - continua Passalacqua, a seguito dell’esplosione del conflitto in Siria, delle nuove tensioni interne in Libia e nel Corno d’Africa che hanno comportato l’intensificazione delle missioni e dei raid di velivoli a guida remota da parte dell’US Air Force e dell’US Navy. Inoltre è tornato ad essere operativo il 18° Gruppo Caccia dell’Aeronautica militare a Trapani-Birgi che, conclusasi la consegna di otto velivoli Eurofighter Typhoon, potrà operare 24 ore su 24 nel servizio di sorveglianza dello spazio aereo nazionale e NATO e rispondere prontamente alle “più impegnative attività di mantenimento della sicurezza nel bacino del Mediterraneo”. Tutte notizie che, se confermate, di fatto porterebbero ad uno stop anche parziale dei voli civile su Trapani Birgi; cosa che peraltro avevamo già anticipato, facendo ritornare lo scalo ai tempi della crisi libica con grave nocumento all’economia trapanese.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings