Trapani Oggi

Presentata l'edizione 2015 del Calendario Storico dell'Arma dei Carabinieri - Trapani Oggi

Trapani | Attualità

Presentata l'edizione 2015 del Calendario Storico dell'Arma dei Carabinieri

03 Dicembre 2014 22:13, di Ornella Fulco
visite 867

C'è la lettera che il comandante di uno degli Squadroni Carabinieri impegnati nella battaglia di Pastrengo inviò alla moglie con la descrizione della ...

C'è la lettera che il comandante di uno degli Squadroni Carabinieri impegnati nella battaglia di Pastrengo inviò alla moglie con la descrizione della "vita di campagna", e quella spedita, dal fronte, alla madre dal carabiniere Orazio Greco prima di morire in un'azione di sabotaggio alle linee nemiche nella battaglia del Podgora. Ci sono le commoventi parole che la madre del carabiniere Vittoriano Cimmarrusti, morto in battaglia nel 1936 in Etiopia, rivolse al comandante generale dell'Arma in occasione dello scoprimento di una lapide in memoria del figlio. Ci sono le lettere inviate ai familiari, una contenente un vero e proprio testamento, di due carabinieri martiri alle Fosse Ardeatine e quella che Salvo D'Acquisto, forse una delle più note icone dei Carabinieri, inviò ai genitori da Tripoli prima di tornare in Italia ed essere ucciso dai nazisti il 23 settembre 1943. Ma non è solo di coraggio e dedizione al compito scelto, spesso fino all'estremo sacrificio, che si parla nell'edizione 2015 del Calendario Storico dell'Arma dei Carabinieri. Di questa gloriosa Istituzione - che ha festeggiato quest'anno i due secoli di vita - spesso si dice che è una "grande famiglia" così come è altrettanto comune citare il detto "un carabiniere in ogni famiglia", proprio per attestare non solo la capillare presenza dell'Arma sul territorio nazionale ma anche la vicinanza che i suoi appartenenti hanno sempre sperimentato con i cittadini che sono chiamati a proteggere. Quest'anno si è scelto, quindi, di illustrare in particolare l'aspetto umano dei Carabinieri, il loro legame con le famiglie, "cemento morale della più grande famiglia - come scrive nella presentazione il comandante generale Leonardo Gallitelli - della più grande famiglia dell'Arma e alimento costante di quella straordinaria motivazione che ha scritto gloriose pagine di storia". Mogli, madri, figli che, nello scorrere del tempo e attraverso le vicende del nostro Paese, hanno trepidato per la sorte dei loro cari ma che hanno anche saputo sostenerli ed esserne orgogliosi, condividendo con loro valori e sacrifici. Episodi noti e meno noti della Storia vengono, attraverso le belle tavole del calendario disegnate dal maestro Paolo Di Paolo, rivisitati sotto una luce diversa, certamente meno conosciuta e più intima e ci raccontano con potente semplicità cosa significhi "essere Carabiniere": vigilare e provvedere alla sicurezza degli altri, che siano i cittadini o la propria famiglia, in nome della fedeltà ai principi di legalità, libertà e giustizia. Stampato in 1 milione e 250 mila copie - di cui 8 mila in quattro lingue straniere (inglese, francese, spagnolo e tedesco) - il Calendario Storico dell'Arma è, dalla sua nascita avvenuta nel 1928, indice sia dell'affetto e della vicinanza di cui gode la Benemerita, sia della profondità del suo significato che si rinnova di edizione in edizione fino a quella 2015, l'82ª, presentata oggi anche a Trapani dal comandante provinciale dei Carabinieri, colonnello Fernando Nazzaro, insieme al comandante del Reparto operativo provinciale, tenente colonnello Alessandro Carboni.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie