Trapani Oggi
Trapani Oggi

Martedì, 19 Ottobre 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Presepe vivente ad opera degli immigrati - Trapani Oggi

0 Commenti

3

2

1

0

2

Testo

Stampa

Cultura
Trapani-Erice

Presepe vivente ad opera degli immigrati

02 Gennaio 2013 22:36, di Niki Mazzara
Presepe vivente ad opera degli immigrati
Cultura
visite 319

Un gruppo di immigrati del centro Cara di Salinagrande ha realizzato a Trapani, in un angolo della Casina delle Palme, un presepe vivente. Al centro della scena una piccola fiamma, simbolo della luce di Cristo luce del mondo circondata da frutta, doni della natura per il Salvatore fatto uomo. A rappresentare i genitori di Gesù, Maria e Giuseppe, sono stati Adrien, una donna della Costa d’Avorio, paese sconquassato da anni da una violenza a tratti silenziosa ma violenta e Hailu dell’Etiopia.Gli altri “personaggi” del presepe, i pastori adoranti la luce del Cristo, erano tutti giovani etiopi che hanno indossato i loro costumi tradizionali. Gli immigrati partecipanti alla rappresentazione della natività sono cristiani ma greco-ortodossi e celebrano il Natale il 6 gennaio, giorno dell’Epifania del Signore. L’iniziativa è inserita nella manifestazione “Miaraka, insieme per il Madagascar” organizzata dalla Caritas diocesana di Trapani con alcune associazioni del territorio per promuovere una campagna di adozione a distanza di bambini di strada, Nei processi d’integrazione dei migranti - al di là dei fenomeni residui che creano legittimamente qualche difficoltà ma sono episodi comunque marginali nel nostro contesto - la partecipazione a manifestazioni pubbliche di significativo valore civile ha un duplice valore positivo: ci aiuta ad esprimere il valore dell’accoglienza ma anche il desiderio degli immigrati di sentirsi protagonisti del loro stesso processo d’integrazione. In una nota gli organizzatori ricordano che, “ come ha detto il Presidente della Repubblica Napolitano nel suo messaggio di fine anno è importante saper accogliere chi arriva in Italia per cercare protezione da profugo o lavoro da immigrato: una visione dell’integrazione e della cittadinanza che dovrebbe essere sempre più condivisa”. Già lo scorso anno i nigeriani richiedenti asilo che vivevano a Trapani avevano comunicato la loro grande gioia di vivere da salvati animando con canti e danze il Natale cittadino a Trapani. Quest’anno la partecipazione alle iniziative per i bambini di strada del Madagascar ha avuto il sapore della solidarietà sud-sud, tra popoli cioè che vivono al limite della sopravvivenza come quello malgascio e alcuni dell’area sub-sahariana, creando momenti di intensa commozione”.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings