Trapani Oggi
Trapani Oggi

Lunedì, 19 Aprile 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Processo Bartolo Pellegrino, i commenti - Trapani Oggi

0 Commenti

3

0

0

1

0

Testo

Stampa

Attualità
Salemi

Processo Bartolo Pellegrino, i commenti

20 Dicembre 2009 11:00, di Ornella Fulco
Processo Bartolo Pellegrino, i commenti
Attualità
visite 272

Salemi, 20 dicembre 2009- Vittorio Sgarbi ha così commentato  l’assoluzione di Bartolo Pellegrino, ex Vice Presidente della Regione Siciliana, dall’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa: «L’ingiusto arresto di Bartolo Pellegrino per un’accusa infamante quale il concorso esterno in associazione mafiosa ci trovò tutti perplessi. Le conseguenze, proprio per chi come un politico vive di consenso, furono catastrofiche rispetto all’impegno di Pellegrino e del suo cartello elettorale.  Ora che è stato assolto non posso tacere interrogativi altrettanto inquietanti:  chi lo ha diffamato nel nome del popolo italiano, chi lo ha fatto arrestare e lo ha incriminato, in che modo pagherà e in che modo lo risarcirà ? Certo ora Pellegrino può innalzare il rinnovato orgoglio per la dignità restituita; ma il tempo del sospetto è durato troppo a lungo e non ha probabilmente dissolto l’animosità dei giustizialisti. Mi chiedo se Sonia Alfano saprà esprimere la sua solidarietà a Pellegrino o riterrà che le tesi dell’accusa continuino a renderlo indegno della sua attenzione e del necessario avvertimento ai magistrati, o se, come nel caso di Vito Turano, è necessaria, anzi obbligatoria, la prudenza, la certezza delle prove, la solidità delle affermazioni di un pentito: altrimenti l’azione della magistratura ha solo un rilievo politico e non penale.  L’interrogativo che pongo è fino a che punto si possa rispettare chi sbaglia quando il suo errore ha conseguenze tanto gravi. E non è un errore individuale del signor Tarondo, ma un errore compiuto attraverso una funzione pubblica per conto dello Stato.Su questa materia la posizione del presidente dell’antimafia è sempre stata ambigua e irrispettosa dei diritti sanciti dalla costituzione in materia di non colpevolezza. Non si può restituire l’onore a Pellegrino senza sanzionare chi lo ha inquisito senza riscontri certi» . Sull'assoluzione, intervento anche dell' onorevole regionale Udc Giuseppe Lo Giudice: «Per mesi e mesi l’accusa e una certa stampa supina ai Pm, ci hanno raccontato un altro Pellegrino, troppo diverso da quello che gli elettori e uomini delle istituzioni hanno conosciuto, tanto che le prospettazioni della pubblica accusa, mai come in questo caso cariche di suggestioni verbali, apparivano a molti abnormi.Oggi un Tribunale della Repubblica ci dice che il fatto non sussiste. Se da un lato vi è il conforto per la verifica di un giudice davvero «terzo», capace di distinguere i fatti dalle suggestioni, dall’altro non possiamo non dimenticare la canéa giustizialista che si è riversata su Pellegrino in questi mesi, in un clima di «caccia alle streghe» che spesso si respira a Trapani nel nome di un’antimafia extragiudiziaria la  cui azione appare spesso poco limpida, ancor più quand0 si ravvisano i segnali di una delegittimazione politica e anche umana che prescinde dalle valutazioni della magistratura, come se l’obiettivo sia solo “mascariare . La vicenda Pellegrino ci insegna come sia sempre utile coltivare l’esercizio del dubbio».

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings