Trapani Oggi

Processo ex pm Angioni: “Malavitosi dicevano di avere spie nel commissariato di Mazara” - Trapani Oggi

Marsala | Cronaca

Processo ex pm Angioni: “Malavitosi dicevano di avere spie nel commissariato di Mazara”

01 Febbraio 2022 11:42, di Redazione
visite 1103

Filtrano nuove notizie

“Alcuni malavitosi, nel corso di conversazioni intercettate, affermavano di poter contare su informatori e spie nel commissariato di Mazara del Vallo e nella Questura di Trapani”. Lo ha detto l'ex pm Maria Angioni sotto processo innanzi al Tribunale di Marsala che va avanti. Venerdì scorso il giudice monocratico di Marsala ha respinto la richiesta di proscioglimento dell'ex pm, proscioglimento chiesto dalla Procura liljbetana che ha sostenuto che l'imputata avesse ritrattato le dichiarazioni, rivelatesi false, che le erano costate l’incriminazione.

La stessa Angioni fuori dall'aula del Tribunale di Marsala, ha detto di non aver ritrattato ma solo fornito spunti: “Con la decisione della giudice Montericcio di non accogliere la richiesta di proscioglimento ho ottenuto il mio obiettivo, che è quello di perseguire la verità nel caso Denise, per il quale, di recente, credo di aver fornito importanti spunti investigativi”.

Il 3 maggio 2021 ai pm di Marsala, Angioni aveva parlato di "depistaggi" che sarebbero avvenuti alla fine del 2004, quando coordinava insieme all'allora procuratore capo Antonino Silvio Sciuto e altri colleghi, la vicenda relativa alla scomparsa della bambina di Mazara.

L'ex pm ha sostenuto che: “alcuni malavitosi, nel corso di conversazioni intercettate, affermavano di poter contare su informatori e spie nel commissariato di Mazara del Vallo e nella Questura di Trapani”. “Alcuni di loro dicevano: quando dovevamo avere perquisizioni della polizia lo sapevamo prima, adesso con i carabinieri non è più così”, ha detto il magistrato sotto processo davanti al Tribunale di Marsala.

Per i dubbi sulla fedeltà della polizia, le indagini sul sequestro della bambina furono revocate al commissariato di Mazara e affidate ai carabinieri della sezione di pg di Marsala. L’ex pm ha detto che alla polizia furono affidate solo deleghe per accertamenti “marginali".

"In un’altra intercettazione – ha detto ancora Angioni – abbiamo ascoltato uno dei due vertici di commissariato di Mazara e questura di Trapani, non ricordo chi dei due, affermare di voler ‘far saltare' il procuratore Sciuto. A quelle parole, il collega Andrea Mosca sobbalzò, dicendo ‘gli vogliono mettere una bomba’, ma era chiaro che non si trattava di questo. E infatti, qualche tempo dopo, dopo che la commissione del Csm si era pronunciata favorevolmente sulla domanda di Sciuto di andare a dirigere la Procura di Trapani, poi il plenum non lo nominò".

Sciuto, adesso in pensione, è uno dei testi che la difesa ha citato nel processo ad Angioni.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie