Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 31 Maggio 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Processo Papania: ammessi cittadini come parte offesa - Trapani Oggi

0 Commenti

4

1

2

2

1

Testo

Stampa

Politica
Alcamo

Processo Papania: ammessi cittadini come parte offesa

18 Novembre 2014 16:12, di Niki Mazara
Processo Papania: ammessi cittadini come parte offesa
Politica
visite 356

“Per la prima volta in Italia un numero altissimo di privati cittadini, nella loro qualità di titolari del diritto al libero esercizio del voto, è parte civile in un processo per voto di scambio”. Lo sottolineano, in un comunicato stampa, i rappresentanti della lista ABC, Alcamo Bene Comune, che evidenziano come “ Il Giudice per l’udienza preliminare, dottoressa Lucia Fontana, durante l’udienza di oggi presso il Tribunale di Trapani, ha ritenuto tutti gli elettori alcamesi potenziali persone offese dal reato di voto di scambio contestato all'ex senatore Antonino Papania, al suo braccio destro Massimiliano Ciccia, al consigliere comunale in carica Antonio Nicolosi e ad altre quattro persone”. Per il giudice “sono state ritenute fondate le argomentazioni degli avvocati di parte civile: è stato considerato leso proprio il diritto al libero esercizio del voto, riconosciuto, oltre che a livello costituzionale, anche dalla normativa appositamente emanata per reprimere condotte volte ad alterare le basi della democrazia. Il gup ha, inoltre, accolto l’istanza di costituzione di parte civile avanzata da Niclo Solina, candidato sindaco di ABC alle elezioni amministrative del maggio 2012 ad Alcamo, e quella del Comune di Alcamo. Non è stata, invece, ammessa l’associazione “ABC - Alcamo Bene Comune”, per una ragione puramente temporale, esposta dal giudice nel corso dell’udienza. ABC, infatti, quando i reati sarebbero stati commessi, era ancora una lista civica e non si era costituita come associazione. Il presidente di ABC, Paola Messina, all’uscita dell’udienza ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti del risultato di oggi. Lo siamo come cittadini, in primis, perché questa è la nostra occasione per rivendicare il diritto al regolare esercizio del voto, di cui ci siamo sentiti privati nel corso delle amministrative del 2012. Accogliamo le ragioni esposte dal Giudice sulla non ammissibilità dell’associazione ABC, rilevando, dalle sue stesse parole, che tali ragioni sono legate solo al fattore temporale, e non già agli interessi di cui ABC si fa portavoce. Adesso, in quanto parti processuali, ci impegneremo affinché la giustizia faccia il suo corso”. Nella prossima udienza del 26 novembre, il GUP prenderà delle decisioni in merito all'utilizzo delle intercettazioni e ad altre questioni preliminari sollevate oggi dai difensori degli imputati.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings