Trapani Oggi
Trapani Oggi

Giovedì, 02 Aprile 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Protesta degli edili per lo sblocco dei cantieri pubblici - Trapani Oggi

0 Commenti

4

1

1

1

3

Testo

Stampa

Attualità
Marsala

Protesta degli edili per lo sblocco dei cantieri pubblici

30 Maggio 2014 16:27, di Niki
Protesta degli edili per lo sblocco dei cantieri pubblici
Attualità
visite 412

Un nutrito gruppo di lavoratori edili ha manifestato, stamattina a Marsala, nello spiazzale adiacente l'ospedale “Paolo Borsellino”, per chiedere la sblocco dei cantieri in provincia di Trapani. L'iniziativa è stata organizzata dalle segreterie territoriali di Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil. Sono intervenuti alla manifestazione, fra gli altri, i segretari regionali di categoria, rispettivamente, Franco Tarantino, Santino Barbera e Angelo Gallo, e il segretario generale della Filca Cisl Palermo Trapani Antonino Cirivello. Tra le opere che i sindacati chiedono di avviare: il collegamento dell’autostrada A29 con il bacino marmifero di Custonaci, dallo svincolo “Dattilo” alla SS 187, la variante della statale 115 “Sud occidentale Sicilia”, nel tratto che collega Trapani e Mazara del Vallo, compreso tra lo svincolo di Birgi e il collegamento alla statale 115 in corrispondenza di Mazara del Vallo, il completamento dello svincolo Alcamo Est e il collegamento con la strada provinciale 55 Alcamo – Alcamo Marina e quelli bloccati nella zona del porto di Castellammare del Golfo, dove ci sono 7 milioni di euro di lavori da eseguire. “E' arrivato il momento di dire basta alla pesante crisi che ormai dal almeno cinque anni attanaglia il settore delle costruzioni – affermano i segretari territoriali di Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil Enzo Palmeri, Francesco Danese e Giuseppe Tumbarello -. Oggi ci troviamo qui per dare un segnale forte, per sollecitare le istituzioni a fare tutto il possibile per sbloccare quella burocrazia che al momento non consente di far partire nel nostro territorio decine di opere già finanziate. E' chiaro dare il via ai cantieri vuol dire creare lavoro in un settore dove nell'ultimo quinquennio si sono persi circa mille posti. Le cifre sono allarmanti, ma noi non possiamo arrenderci a questo stato di cose. Noi sindacati ci stiamo impegnando, e continueremo a farlo sempre con maggiore forza, affinché si possa dare un futuro migliore a tanti lavoratori, e alle loro famiglie, che da anni ormai pagano sulla propria pelle questa penosa situazione legata alla situazione negativa che vive il paese”.

© Riproduzione riservata

Commenti
Protesta degli edili per lo sblocco dei cantieri pubblici
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie
Change privacy settings