Trapani Oggi

Prova a spendere soldi falsi, arrestato un 30enne - Trapani Oggi

Erice | Cronaca

Prova a spendere soldi falsi, arrestato un 30enne

04 Luglio 2017 14:24, di Ornella Fulco
visite 2289

Voleva pagare la consumazione in un bar con soldi falsi ma si è imbattuto nei militari della Stazione Carabinieri di Borgo Annunziata che gli hanno ma...

Voleva pagare la consumazione in un bar con soldi falsi ma si è imbattuto nei militari della Stazione Carabinieri di Borgo Annunziata che gli hanno mandato a monte il piano. A finire in manette è stato il 30enne ericino Giovanni Calvino che ha provato a spendere una banconota da 50 euro risultata falsa. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è entrato nel bar di un lido sul lungomare Dante Alighieri e si è avvicinato al bancone per ordinare una consumazione. Il suo ingresso, però, non è passato inosservato ai due militari dell’Arma, presenti nel locale e liberi dal servizio, che hanno messo subito in guardia la cassiera sulla possibilità che Calvino potesse provare a rifilarle soldi falsi. Non è la prima volta, infatti, che l’uomo è stato trovato in possesso di denaro contraffatto e il suo modus operandi è sempre lo stesso: entrare in un negozio, acquistare merce non troppo costosa e provare a pagare con la banconota fasulla, ricevendo il resto in soldi veri. Così è stato anche questa volta. Dopo aver ordinato qualcosa da bere, l'uomo si è avvicinato alla cassa e ha tentato di pagare con i 50 euro falsi. La cassiera ha verificato la banconota nell’apposito strumento che ha immediatamente segnalato che era contraffatta. Giovanni Calvino è stato bloccato dai carabinieri che lo hanno tratto in arresto per spendita di banconote false. Sabato scorso, al termine dell’udienza in Tribunale, il Giudice ha convalidato l’arresto e lo ha sottoposto all’obbligo di dimora nei comuni di Trapani e Erice. Resta da capire da dove provenga la banconota falsa e come l'uomo se la sia procurata per evitare che, approfittando della numerosa presenza di turisti nella zona, altri possano provare a mettere in circolazione ulteriore denaro contraffatto.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie