Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 16 Giugno 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Recuperare e valorizzare le coste siciliane - Trapani Oggi

0 Commenti

3

0

2

0

2

Testo

Stampa

barraco
Sport
Trapani-Erice

Recuperare e valorizzare le coste siciliane

14 Settembre 2013 12:34, di Niki
Recuperare e valorizzare le coste siciliane
Sport
visite 128

Èuno dei problemi più impellenti per quanti hanno costruito le loro case nelle vicinanze del mare ed ora si vedono minacciati di averle abbattute visto che rientrano nei 150 metri dalla costa. Sollevazioni di protesta, tante iniziative di legge andate a male. Ora ci prova con una proposta l’architetto trapanese Carlo Foderà. Questi ha scritto al presidente della Regione e a quello dell’Anci Sicilia ricordando come “In Sicilia il fenomeno dell’abusivismo edilizio inizia la sua recente storia alla fine degli anni 60” dello scorso secolo per incrementarsi, vistosamente, nella metà degli anni 70”. Ciò ha indotto la regione siciliana a provare a porvi rimedio con la L.R. n. 78 del 1976. Legge che, tra l’altro, ha introdotto l’assoluta inedificabilità della fascia costiera dei 150 metri dalla battigia. Il fenomeno si è sviluppatosi ugualmente, ed ulteriormente, al punto che la regione siciliana ha dovuto emanare la L.R. n. 15 del 1991 con la quale, tra l’altro, “chiariva” che il divieto di assoluta inedificabilità nella fascia dei 150 metri non valeva soltanto per i comuni ma anche per i privati. Al fine di contrastare il fenomeno dell’abusivismo edilizio, che nel frattempo avanzava imperterrito, la regione siciliana ha emanato la L.R. n. 17 del 1994 (che prevedeva, tra l’altro, la decadenza dei sindaci). Negli anni successivi, per iniziativa governativa sono stati presentati appositi disegni di legge. Quelli maggiormente ricordati sono quelli per iniziativa dell’On. Cuffaro e dell’On Bartolo Pellegrino. Disegni di legge che non hanno trovato il necessario consenso e non sono andati a buon fine in quanto, sostanzialmente, puntavano a “sanare le case non sanabili”. Poi un lungo periodo di pausa. Nel frattempo qualche sindaco, ogni tanto, acquisiva e demoliva qualche casa per il resto nulla. Nel mese di maggio del 2011 l’On. Paolo Ruggirello presentava il disegno di legge n. 725 “Recupero e la valorizzazione della costa della Sicilia”. Disegno di Legge che dopo avere completato favorevolmente l’iter presso le competenti commissioni parlamentari non è arrivato all’esame dell’ARS per la interruzione anticipata della legislatura. Attualmente – ricorda Foderà- sono stati presentati all’ARS alcuni Disegni di Legge tra i quali quello dell’On. Paolo Ruggirello e quello che vede come primo firmatario l’On. Giovanni Lo Sciuto. In questi giorni si ha notizia che diversi procuratori della repubblica sollecitano i sindaci affinché provvedano, come per legge, ad acquisire gli immobili non sanabili e alla loro demolizione”. Sin qui il passato. Foderà avanza quindi la proposta “ non è certamente con le demolizioni indiscriminate che risolviamo il problema, sempre che troviamo le necessarie risorse finanziarie e dove smaltire milioni di metri cubi di sfabbricidi. Intanto ritengo opportuno che il fenomeno dell’abusivismo edilizio costiero, sanabile e non, vada inquadrato nel più ampio contesto del recupero e della valorizzazione della costa della Sicilia. Che, come è noto, è caratterizzata da ampi fenomeni di erosione, di dissesto idrogeologico, dalla presenza di grandi impianti per la trasformazione degli idrocarburi, di altri impianti industriali che ben si prestano alla riconversione in attività compatibili con la fruizione della costa e del mare. Tra gli impianti industriali non dobbiamo dimenticare la presenza di numerose segherie, soprattutto nel trapanese. Molti centri abitati costieri risultano ancora privi di fognature e di deputazione e, pertanto, oltre ad inquinare le falde acquifere inquinano il mare impedendone, tra l’altro, la balneabilità. In tale contesto si inserisce anche la portualità priva di un sistema integrato con il territorio. In poche parole il tema del recupero e la valorizzazione delle coste, per dimensione e per complessità, è un tematismo da Piano Territoriale Regionale, rispetto al quale non ci risulta che qualcuno della Giunta Regionale e dell’ARTA se ne stia occupando. Oggi, anche se con grave ritardo, noi siciliani, ciascuno per le proprie competenze e responsabilità, abbiamo il dovere di discutere le possibili soluzioni di un FENOMENO NON EPISODICO MA SISTEMICO. Un fenomeno rispetto al quale bisogna evitare l’ipocrisia di guardare chi ha commesso abusi edilizi come l’unico responsabile del deprecabile fenomeno, volgendo anche l’attenzione alla responsabilità di quanti, per mestiere, avrebbero dovuto fermare il fenomeno sul nascere. In questo senso non possiamo non parlare di quanti avevano il dovere di non fornire servizi alle case abusive, luce, acqua, telefono ecc.., o di non realizzare opere di urbanizzazione ai quartieri abusivi, illuminazione pubblica, strade asfaltate, marciapiedi, fognature ecc.. A mio avviso, è necessario partire dal Piano Territoriale Regionale per individuare le zone costiere da sottoporre a recupero e valorizzazione attraverso la procedura della VAS, di concerto con i comuni interessati, per poi trasferire ai comuni, o ai liberi consorzi comunali, la relativa attuazione attraverso piani Particolareggiati Di Recupero. La apposita legge regionale dovrebbe prevedere, tra l’altro, organi di controllo e poteri sostitutivi in caso di inadempienza da parte dei comuni interessati, o dei loro liberi consorzi. La nuova Legge Regionale, inoltre, dovrebbe prevedere, e finanziare, Un’agenzia Regionale Per La Tutela E Per La Valorizzazione Delle Coste Della Sicilia, con il compito di monitorare l’attuazione della stessa Legge e di curare la elaborazione dei progetti da sottoporre a finanziamenti statali e/o comunitari. Così facendo il recupero della costa potrebbe diventare la più grande opera pubblica della storia della Sicilia”.

© Riproduzione riservata

Commenti
Recuperare e valorizzare le coste siciliane
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie