Trapani Oggi
Trapani Oggi

Giovedì, 13 Maggio 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Richiesta urgente di scioglimento per mafia del Comune di Calatafimi - Trapani Oggi

0 Commenti

1

0

0

0

0

Testo

Stampa

Politica
Calatafimi

Richiesta urgente di scioglimento per mafia del Comune di Calatafimi

31 Dicembre 2020 12:00, di Redazione
Richiesta urgente di scioglimento per mafia del Comune di Calatafimi
Politica
visite 1603

Il senatore Mario Michele Giarrusso ha presentato nei giorni scorsi un’interrogazione parlamentare per chiedere lo scioglimento per mafia del Comune di Calatafimi Segesta. La richiesta arriva a poche settimane dall'operazione antimafia effettuata dalla Squadra Mobile di Trapani e che ha disarticolato la famiglia mafiosa locale e portato in carcere il capo mafia. Operazione che ha visto il coinvolgimento anche del sindaco Nino Accardo, raggiunto da un avviso di garanzia accusato di reato di corruzione elettorale e tentata estorsione, con l’aggravante di mafia.Ecco il testo...
“A seguito dei fatti avvenuti a Calatafimi Segesta il 15 dicembre 2020, nell’ambito dell’operazione denominata “Ruina”, che hanno visto l’arresto di tredici mafiosi vicini al boss superlatitante Matteo Messina Denaro, di venti indagati e tra questi anche il Sindaco Accardo – scrive il Senatore Giarrusso – con l’ipotesi di accusa di reato di corruzione elettorale e tentata estorsione, con l’aggravante di mafia, in quanto dalle intercettazioni si parlerebbe di elargizione di somme di denaro, specie verso famiglie di soggetti con precedenti penali, e in stato di disagio economico ed a norma dell’articolo 143 del Testo unico sull’ordinamento degli enti locali, ho chiesto al Ministro dell’Interno Lamorgese mediante un’interrogazione lo scioglimento immediato del Comune di Calatafimi Segesta affidandone la gestione a una Commissione straordinaria. Calatafimi Segesta è un territorio che ha visto negli ultimi anni, due sindaci coinvolti in inchieste giudiziarie, e nel 2014, un sindaco arrestato per favoreggiamento. È necessario – concude – iniziare un percorso di ripristino dei principi di legalità all’interno dell’amministrazione comunale al fine di porre fine ai condizionamenti da parte di Cosa Nostra”.
 

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings