Trapani Oggi
Trapani Oggi

Venerdì, 23 Agosto 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Rsu a Paceco, l'amministrazione comunale corre ai ripari - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

barraco
Politica
Paceco

Rsu a Paceco, l'amministrazione comunale corre ai ripari

29 Marzo 2019 10:09, di Salvatore Morselli
La plastica anche in sacchetti trasparenti
Politica
visite 2053

Giuseppe Scarcella e Federica Gallo, sindaco e assessore all'Ambiente di Paceco, corrono ai ripari e,  a seguito delle lamentele della cittadinanza di cui si sono fatti portavoce  i quattro consiglieri della opposizione, Vito Bongiorno, Salvatore Catalano, Marilena Cognata e Biagio Martorana,  chiariscono cosa è successo e quali debbono essere i comportamenti della popolazione.In una nota diffusa da sindaco e assessore all’Ambiente si ammette come “ il servizio di ritiro degli ingombranti viene eseguito in maniera ridotta, poiché nel Centro Comunale di Raccolta (CCR), a Dattilo, è in corso l’adeguamento degli impianti e, per tale motivo, temporaneamente la struttura non è utilizzabile; di conseguenza, gli addetti al servizio concentrano gli interventi in pochi passaggi, perché devono portare tutto direttamente al sito di stoccaggio. 
Al termine dei lavori di adeguamento, l’amministrazione comunale avrà cura di comunicare la riapertura del Centro di Raccolta di Dattilo e quindi il ripristino del servizio regolare”. Gli amministratori assicurano che “ presto sarà ripristinato il numero verde telefonico, contattabile anche dai cellulari, dedicato alle segnalazioni per il ritiro di sfalci di potatura ed ingombranti. Lo sta predisponendo la stessa ditta che cura il servizio.
Nel frattempo, per queste segnalazioni, si può telefonare ai numeri 0924/31724 e 0924/30524.  Intanto, dalla prossima settimana, e per tutto il mese di aprile, saranno incrementati i passaggi per gli sfalci di potatura, per venire incontro alle numerose richieste dei cittadini. Ma già oggi  sono previsti due passaggi, per un totale di cinquanta utenti”. Per quanto riguarda poi i  rifiuti differenziati “ ad eccezione dell’umido, possono essere esposti senza sacchetto, ma per la raccolta della plastica è preferibile l’utilizzo di un normale sacchetto in plastica trasparente o di colore chiaro, per evitare che i rifiuti si disperdano a causa del vento.
Piatti e bicchieri di plastica, anche se sporchi, devono essere conferiti nella plastica; l’unico accorgimento che consigliamo di seguire, per evitare cattivi odori, è l’utilizzo di un tovagliolino di carta per eliminare eventuali sughi o sciacquare gli stessi sotto l’acqua corrente”.  Sindaco e assessore, ricordando come sia “  assolutamente vietato l’utilizzo di sacchi neri per il conferimento dei rifiuti” e che “ i vecchi mastelli forniti dalla precedente ditta, saranno ritirati dalla ditta Agesp Spa previa comunicazione alla cittadinanza. Ma i rifiuti esposti nei vecchi mastelli non verranno ritirati” chiariscono che “ per gli oli esausti, a breve sarà disponibile un contenitore unico per tutto il paese, in cui conferirli dentro normali bottiglie di plastica.
Per chi ha già avanzato formale richiesta per il ritiro di pannolini e pannoloni, le giornate di ritiro coincidono con quelle della frazione umida; quindi, pannolini e pannoloni saranno ritirati il lunedì, mercoledì e venerdì. Per nuove richieste in merito al ritiro di pannolini e pannoloni, è possibile rivolgersi all’Ufficio Tecnico in via Torrearsa (Salvatore Galifi) o alla portineria del Palazzo Comunale (Maria Fanara). Per quanto concerne vestiti, scarpe e borse, stiamo provvedendo all’installazione di un contenitore che sarà disponibile per la cittadinanza una volta al mese.
Saranno poi fornite informazioni più dettagliate, in modo da consentire a tutti il conferimento di questo genere di rifiuti”. Sin qui le raccomandazioni comportamentali che, se disattese, comporteranno “  elevate sanzioni, in base all’ordinanza sindacale n.11 del 13/03/2019. Sanzioni amministrative pecuniarie da 300 a 3.000 euro, sono previste nei seguenti casi: abbandono indiscriminato dei rifiuti differenziati e non differenziati su aree pubbliche, abbandono di rifiuti derivanti da sfalci, potature e ripuliture su aree urbane pubbliche, abbandono di sacchetti di rifiuti nei cestini getta-carta stradali, abbandono di rifiuti durevoli e R.A.E.E. (rifiuti di apparecchiature  elettriche ed elettroniche) su aree pubbliche, abbandono detriti e fluidi sul suolo pubblico. Sanzioni da 25 a 500 euro,  invece, sono previste in questi altri casi: conferimento di un rifiuto indifferenziato o non conforme, all’interno dei mezzi o contenitori destinati alla raccolta differenziata; conferimento di frazioni di rifiuto differenziabili, quali frazione organica, plastica, carta, cartone, vetro e metalli, all’interno di mezzi o contenitori destinati alla raccolta indifferenziata; intralciare o ritardare l’opera degli addetti ai servizi di raccolta; conferimento dei rifiuti per la raccolta differenziata domiciliare in sacchetti non trasparenti e non espressamente indicati; conferimento dei rifiuti nelle postazioni per la raccolta differenziata domiciliare di altre utenze; esposizione dei rifiuti in orari e giorni diversi da quelli previsti dal calendario di raccolta; far penzolare contenitori e/o sacchetti dei rifiuti dai balconi delle abitazioni; abbandono di deiezioni canine, anche se già raccolte negli appositi sacchetti, lungo le strade e/o loro pertinenze o in altre zone del territorio comunale. Tali deiezioni vanno smaltite nella frazione Rsu (indifferenziato) dei rifiuti domestici, ovvero negli appositi cestini insistenti nel territorio comunale”.

© Riproduzione riservata

Commenti
Rsu a Paceco, l'amministrazione comunale corre ai ripari
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie