Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 20 Novembre 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Rubavano rame all'interno del dissalatore di Nubia, arrestati due giovani - Trapani Oggi

1 Commento

2

0

0

1

1

Testo

Stampa

Cronaca
Paceco

Rubavano rame all'interno del dissalatore di Nubia, arrestati due giovani

31 Gennaio 2019 09:39, di Ornella Fulco
Rubavano rame all'interno del dissalatore di Nubia, arrestati due giovani
Cronaca
visite 3290

Due giovani trapanesi sono finiti ieri in manette dopo essere stati sorpresi dai Carabinieri a rubare rame all'interno dell'impianto di dissalazione, ormai dismesso, di Nubia, nel territorio comunale di Paceco. Il 23enne Antonino Di Salvo e il 27enne Ignazio Messina, già noti alle forze dell'ordine per i loro svariati precedenti di polizia, sono stati colti sul fatto da una pattuglia dell'Arma che, in servizio di controllo del territorio, intorno alle 17, si era recata come di consueto presso l'impianto, spesso oggetto di furti, per una verifica.
Una volta giunti sul posto i militari hanno notato la presenza di uno scooter e hanno deciso di entrare all’interno sorprendendo i due giovani che, dopo aver rimosso un trasformatore industriale dal suo alloggiamento, stavano apportando gli avvolgibili in rame. Bloccatili prima che potessero darsi alla fuga ed identificati, i carabinieri hanno trovato, oltre al rame già accantonato, del peso di quasi 20 chilogrammi, vari strumenti utilizzati per il taglio del materiale che sono stati posti sotto sequestro penale, mentre il rame e il trasformatore sono stati restituiti ai responsabili del dissalatore.
I due arrestati, dopo la compilazione degli atti di rito, sono stati trasferiti alla Casa Circondariale “Pietro Cerulli ” di Trapani, come disposto dall’autorità giudiziaria competente in attesa di udienza di convalida prevista per oggi.
 

© Riproduzione riservata

Commenti
Rubavano rame all'interno del dissalatore di Nubia, arrestati due giovani

Vito

Questi sono delinquenti di piccola taglia. Quelli grossi sono alla Regione che hanno lasciato all'abbandono un impianto da cui si possono ricavare dalla dismissione più di 2 milioni di euro.

Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie