Trapani Oggi

Salvatore Tallarita: “Io candidato sindaco? Cado dalle nuvole” - Trapani Oggi

Trapani | Politica

Salvatore Tallarita: “Io candidato sindaco? Cado dalle nuvole”

17 Marzo 2018 19:06, di Salvatore Morselli
visite 1817

Stupore, amarezza ed un pizzico di indignazione. Queste sono le reazioni di Salvatore Tallarita, presidente del comitato per l’autonomia di Misiliscem...

Stupore, amarezza ed un pizzico di indignazione. Queste sono le reazioni di Salvatore Tallarita, presidente del comitato per l’autonomia di Misiliscemi tirato in ballo oggi da un comunicato stampa dell’ex senatore Antonio D’Alì che lo aveva indicato come possibile candidato sindaco di Trapani. Tallarita, appresa la notizia, è trasalito. Da noi raggiunto telefonicamente ha smentito ogni e qualsiasi contatto recente con il senatore che lo aveva interpellato nel corso della scorsa campagna elettorale per le comunali, dove D’Alì era candidato sindaco non accedendo al ballottaggio, offrendogli la carica di vice sindaco. Proposta rifiutata. Da allora, ci ha detto Tallarita, nessun contatto. Ora, al sortita dell’ex senatore che nel comitato per l’autonomia di Misiliscemi interpretano come un tentativo di destabilizzazione da parte di chi teme una loro vittoria in occasione del referendum (già programmato per il 27 maggio, quindici gioorni prima delle elezioni amministrative a Trapani), un modo per cercare di spaccare il comitato, di pescare nel torbido. Il direttivo dell’Associazione Misiliscemi ha tenuto questo pomeriggio una riunione al termina della quale Tallarita ha ribadito con un comunicato stampa quanto a noi detto. “ Apprendo di un mio coinvolgimento per concorrere alla carica di sindaco della città di Trapani. Sento il dovere di precisare quanto segue: 1) non sono stato mai coinvolto da nessuno in un confronto che portasse a tale conclusione; 2) la mia azione è solo finalizzata a dare dignità alle contrade e tale dignità può passare solo se la maggioranza dei cittadini voterà SI al referendum per concretizzare il comune di Misiliscemi, in quanto ritengo che non esistano altre vie. Ringrazio tutti i miei amici per l’affetto e il sostegno dimostratomi ma il mio impegno prima di tutto è rivolto al progetto Misiliscemi Comune”. Ma resta sospeso l’interrogativo: la sortita dell’ex senatore D’Alì a chi giova?

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie