Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 15 Dicembre 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Scrigno, fissata udienza rinvio a giudizio - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Cronaca
Trapani-Erice

Scrigno, fissata udienza rinvio a giudizio

01 Dicembre 2019 07:17, di Laura Spanò
Scrigno, fissata udienza rinvio a giudizio
Cronaca
visite 795

Il prossimo 20 dicembre il giudice delle udienze preliminari di Palermo, giudice Filippo Serio, deciderà sulla richiesta di rinvio a giudizio firmata dal procuratore aggiunto Paolo Guido e dai pm Gianluca De Leo e Claudio Camilleri e che riguarda 29 persone coinvolte nell'operazione antimafia Scrigno.Gran parte degli indagati furono arrestati dai carabinieri in quel blitz del 5 marzo. Questi i nomi per i quali i pm della Dda di Palermo hanno chiesto il processo: i fratelli Francesco e Pietro Virga, l'uomo d'onore riservato della mafia trapanese Francesco Orlando, l'ex parlamentare Paolo RuggirelloMichele Alcamo, Antonino Buzzitta, Maria Stella Cardella; Pietro Cusenza, Antonino "Ninni" D’Aguanno, Vito D’Angelo, Tommasa Di Genova; Vincenzo Ferrara, Giuseppa Grignani, Vito Gucciardo, Jacob Stelica, Ivana Inferrera, Mario Letizia, Michele Martines, Francesco Paolo Peralta, Giuseppe Piccione, Marcello Pollari, Francesco e Leonardo Russo, Carmelo Salerno, Flippo Tosto. La richiesta di rinvio a giudizio colpisce anche altri soggetti che rimasti fuori dal blitz, l'architetto Vito Mannina, ex consigliere comunale e provinciale a Trapani e ancora gli esponenti politici ericini Luigi e Alessandro Manuguerra, padre e figlio, il giovane Manuguerra oggi consigliere comunale a Erice, e infine il prof. Francesco Todaro.
L’inchiesta “Scrigno”, che ha permesso agli investigatori dei carabinieri di  disarticolare le famiglie mafiose di Trapani, Paceco e Marsala e fatto scoprire una nuova cosca sull’isola di Favignana, ha anche permesso attraverso le dichiarazioni di uno degli arrestati, Pietro Cusenza, di capire come “funziona il “sistema” messo in atto da politici e mafiosi, nel corso delle tornate elettorali a Trapani e nel suo hinterland.  Dichiarazioni rese agli investigatori che non si stanno occupando solo delle elezioni regionali del 2017. Pietro Cusenza, di Erice, è in atto detenuto a Rebibbia. Ai magistrati di Palermo si è presentato non come un “mafioso” ma come una sorta di esattore di voti per conto dei boss, lui stesso è uomo vicino a Pietro Virga (assieme a Francesco, figli del boss Vincenzo, detenuto). Il verbale di Pietro Cusenza è stato depositato con l’avviso di conclusione delle indagini “Scrigno”. Cusenza ha chiamato in causa l'ex deputato regionale Paolo Ruggirello candidato del PD e Ivana Inferrera per l’UDC, sui quali la mafia avrebbe indirizzato il consenso alle Regionali del 2017, nessuno dei due poi fu eletto. All’ex deputato detenuto a Santa Maria Capura Vetere, viene contestato il reato di associazione mafiosa, alla Inferrera, voto di scambio politico-mafioso. Cusenza non si considera un appartenente a Cosa nostra, secondo quanto racconta ai magistrati “è stato coinvolto solo in occasione delle consultazioni elettorali”.

© Riproduzione riservata

Commenti
Scrigno, fissata udienza rinvio a giudizio
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie