Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 15 Luglio 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Sequestrati carburante e sigarette di contrabbando - Trapani Oggi

0 Commenti

5

0

1

0

0

Testo

Stampa

Cronaca
Mazara del Vallo

Sequestrati carburante e sigarette di contrabbando

20 Febbraio 2015 14:42, di Ornella Fulco
Sequestrati carburante e sigarette di contrabbando
Cronaca
visite 264

I militari della Guardia di Finanza di Mazara del Vallo, in collaborazione con personale della Dogana, hanno sequestrato circa 374 stecche di sigarette di contrabbando ed oltre 16.000 litri di carburante. Le sigarette erano nascoste all’interno di vari scomparti ricavati nei locali di un peschereccio battente bandiera tunisina giunto in porto. Nel corso delle consuete operazioni di ispezione doganale i militari delle Fiamme Gialle hanno trovato alcune stecche di sigarette non dichiarate. A quel punto è scattata la perquisizione dell’intera imbarcazione che ha consentito di rinvenire diverse centinaia di pacchetti di varie marche destinati ad alimentare il mercato illegale dell’intera provincia di Trapani. Se immessi in vendita i 75 chilogrammi di sigarette avrebbero fruttato ai contrabbandieri oltre 25.000 euro. Il sequestro segue quello di pochi giorni fa, avvenuto sempre nel porto di Mazara del Vallo, e conferma l’intuizione investigativa della Guardia di Finanza che ha portato ad intensificare l’azione di contrasto al contrabbando di tabacchi lavorati esteri. Il particolare modus operandi adottato dai contrabbandieri, consistente nel far giungere le sigarette di fabbricazione estera a bordo di imbarcazioni da pesca straniere, aggirando del tutto il regime di monopolio e i controlli doganali, non è sfuggito ai finanzieri della Sezione operativa navale di Mazara del Vallo) e della locale Tenenza. Sotto sequestro, oltre alle sigarette, è finito anche il peschereccio. Sei persone dell’equipaggio, compreso l’armatore, sono state denunciate all’Autorità giudiziaria di Marsala per contrabbando. Il carburante sequestrato, invece, era imbarcato sul primo natante sequestrato in quantità decisamente superiore a quella dichiarata all’arrivo nel porto mazarese. Per questo motivo si è ritenuto che anch'esso fosse destinato alla vendita illegale e si è provveduto al suo sequestro.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings