Trapani Oggi

Spezia lascia, la coalizione punta su Giovanni Coppola - Trapani Oggi

Valderice | Politica

Spezia lascia, la coalizione punta su Giovanni Coppola

20 Aprile 2018 09:40, di Salvatore Morselli
visite 635

Dopo alcune voci sussurrate, timidamente smentite, ora è ufficiale: Mino Spezia non si ricandida a sindaco di Valderice. Lo ha annunciato lui stesso con una una in cui, tra l’altro, scrive di aver interpretato la politica come “servizio, partecipazione civile ad un progetto collettivo. Ho avuto l’onore e l’onere di amministrare il mio Comune. L’ho fatto con abnegazione e senso di responsabilità, con un unico e solo interesse, il bene di Valderice. La politica non può essere espressione di velleità personali, di brame di potere, ma uno strumento per migliorare la qualità della vita di un territorio. E’ quello che ho fatto assieme alla Giunta ed alla maggioranza consiliare. Valderice è cambiata. E’ più moderna, solidale e dinamica”. Spezia, nel rivendicare il lavoro svolto “costruito su una vera programmazione, senza improvvisazioni”, non si dice scevro dall’aver “commesso degli errori, sarebbe strano il contrario, ma sempre in buona fede e con l’obiettivo di dare nuove opportunità di sviluppo al nostro territorio. La politica è anche scelta. La mia è quella di ritirare la mia ricandidatura”. Una decisione che, per il sindaco uscente, “non è assolutamente un passo indietro. Al contrario, un passo avanti. E soprattutto un passo coerente con quello che ho detto e fatto dal giorno del mio insediamento al Palazzo Municipale. Ho sempre messo la mia esperienza amministrativa al vaglio della politica. Prima dando, da sindaco uscente, la mia disponibilità a partecipare ad eventuali primarie di coalizione. Poi, registrata la mancanza di condizioni politiche per celebrarle, ho aperto, com’era giusto fare, il confronto all’interno del mio Partito e della coalizione di maggioranza. La sintesi di questa intensa discussione mi ha portato a fare una scelta” che, ribadisce con forza Spezia, è “mia, ed esclusivamente mia, che nessuno mi ha sollecitato e, ancor meno, imposto”. Quindi il suo appoggio al candidato sindaco Giovanni Coppola che, a suo dire, è “una sintesi virtuosa ed una garanzia di crescita per il nostro territorio. Il Comune potrà contare su un amministratore attento e capace, che ha condiviso ed è stato protagonista di un’Amministrazione che ha costruito un progetto di sviluppo che troverà riscontri concreti nei prossimi anni. Nella mia scelta ha anche inciso il rispetto che debbo alla mia attività professionale. Fare il sindaco è totalizzante e non consente di poter definire altri percorsi. Torno, dunque, alla mia professione ma non intendo certo lasciare la politica e l’impegno politico che sarà al fianco di Giovanni Coppola”. Infine i ringraziamenti di rito ai “componenti della mia Giunta per la collaborazione, a tutti i dipendenti del Comune che hanno dato il loro contributo, al mio Partito, il Pd, che ancora una volta mi ha manifestato fiducia ed apprezzamento e a tutta la coalizione, Valderice che Vogliamo e Valderice Torna a Crederci”. Sin qui le dichiarazioni di Spezia, che sanno tanto di “volemose bene”, ma rimane aperta la domanda: se aveva deciso in questo senso, perché aspettare sino ad oggi?

© Riproduzione riservata

Altre Notizie