Trapani Oggi
Trapani Oggi

Lunedì, 21 Ottobre 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Tagli ai fondi, l'ATM: "Non vogliamo tornare indietro" - Trapani Oggi

0 Commenti

3

0

0

0

0

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

Tagli ai fondi, l'ATM: "Non vogliamo tornare indietro"

26 Aprile 2018 14:29, di Ornella Fulco
Tagli ai fondi, l'ATM: "Non vogliamo tornare indietro"
Attualità
visite 165

Non si placano le polemiche nate dai tagli preannunciati dal governo regionale nel settore del trasporto pubblico urbano. La scure sui conferimenti alle aziende non risparmia l'ATM, la Spa che gestisce il servizio a Trapani. Già la scorsa settimana l'ingegnere Massimo La Rocca, amministratore unico della partecipata del Comune, anche nella qualità di componente dell'Asstra Sicilia, aveva lanciato l'allarme. "I tagli - spiega alla luce delle tabelle rese note dall'Ars - si attestano al 4,2% nel 2018 e al 26.2% nel 2019 e 2020. In precedenza erano state effettuate riduzioni dell'11% e poi del 26%. In pratica nelle casse dell'ATM entrerebbero 71000 euro in meno nel 2018 e 440.000 nel 2019 e 2020". Una linea che, se dovesse passare senza modifiche nella legge finanziaria, rischia di mettere in ginocchio un comparto già in sofferenza, con inevitabili ricadute sulla mobilità urbana, quindi sui cittadini. Il taglio complessivo al capitolo del bilancio regionale è di 6.953.000 euro per quest'anno e la previsione per gli anni 2019 e 2020 è di una riduzione di 115 milioni. Di oggi una nuova nota dell'Asstra nella quale si ribadisce che la previsione di spesa per il trasporto pubblico locale, portata a 115 milioni di euro, è "assolutamente insufficiente" e che nessuna pianificazione del servizio, a livello regionale, è possibile. Dopo aver visto disattesa la richiesta di un incontro alla Regione, l'associazione delle aziende di trasporto locale ha deciso di sospendere la partecipazione di propri rappresentanti alle già previste riunioni tecniche per la programmazione dei servizi. Si prospettano, se la Regione non dovesse cambiare traiettoria, anche ripercussioni sui livelli occupazionali delle singole aziende di trasporto. GAME, SET, MATCH Leggendo le nuove proposte di tagli ai contributi al TPL non possiamo non pensare al finale di una partita di tennis quando l'arbitro ne decreta il termine dichiarando game, set, match. Oggi pensiamo di aver perso il primo set ma ne rimangono da giocare almeno altri due. Due set in cui venderemo cara la nostra pelle e dimostreremo, a chi sta provando a metterci in ginocchio sul campo, tutto il nostro impegno per portare a casa il risultato. "Noi non molliamo - conclude La Rocca - non vogliamo rinunciare all'acquisto dei nuovi autobus, non vogliamo rinunciare alle assunzioni, non vogliamo ridurre le corse giornaliere, non vogliamo penalizzare l'utenza, non vogliamo tornare indietro".

© Riproduzione riservata

Commenti
Tagli ai fondi, l'ATM: "Non vogliamo tornare indietro"
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie