Trapani Oggi
Trapani Oggi

Martedì, 29 Settembre 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Tari, la Giunta comunale delibera proroga pagamento rate - Trapani Oggi

0 Commenti

5

3

1

4

1

Testo

Stampa

Politica
Erice

Tari, la Giunta comunale delibera proroga pagamento rate

01 Dicembre 2014 11:19, di Niki Mazara
Tari, la Giunta comunale delibera proroga pagamento rate
Politica
visite 477

La Giunta comunale di Erice ha deliberato, accogliendo i suggerimenti del capogruppo del Movimento per Erice che vogliamo" Pippo Martines, di proporre al Consiglio comunale di rinviare le scadenze di pagamento della terza e quarta rata della Tari (tassa sui rifiuti) e per la domanda di riduzione/esenzioni sulla stessa tassa. La scadenza della terza rata passerebbe dal 16 gennaio al 16 febbraio 2015 e la quarta dal 16 marzo al 16 aprile 2015. Sarà avanzata anche la proposta di estendere al 31 dicembre prossimo il termine ultimo per la presentazione delle domande per beneficiare di riduzioni, esenzioni e sgravi sulla Tari. Per le utenze non domestiche sono previsti: INCENTIVO per IMPRESE "NUOVE E GIOVANI": esenzione totale per i primi tre anni di attività per le nuove imprese il cui titolare o i cui soci, nel caso di società di persone, abbiano età anagrafica inferiore ai 32 anni. INCENTIVO/AZIONI CONTRO IL FENOMENO DEI "GIOCHI LEGALI": riduzione del 30% della parte variabile della tariffa per le imprese che dimostrino di avere rinunciato/depositato la licenza rilasciata dalla Questura per l’utilizzo delle slot-machines, video poker e simili nella propria attività. SGRAVI PER ATTIVITÀ D'IMPRESA ONERATE DI ALTRA TASSA PER RIFIUTI SPECIALI E/O PERICOLOSI: riduzione del 25 % per attività artigianali tipo falegname, idraulico, fabbro, elettricista, autofficine, elettrauto, tipografie, vetrerie e simili, macellerie e pescherie; riduzione del 15% per ambulatori medici, dentistici, odontotecnici, radiologici, di analisi e similari. SGRAVI PER ATTIVITÀ D'IMPRESA DI GRANDI SUPERFICI E/O PER PARTI DI SUPERFICI CHE NON PRODUCONO RIFIUTI: riduzione del 15% per attività industriali con capannoni di produzione e attività artigianale di produzione di beni specifici. SGRAVI PER ATTIVITÀ COMMERCIALI CHE FAVORISCONO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA ED INCENTIVANO CON SCONTISTICA I CONSUMI PRESSO I PROPRI PUNTI VENDITA: all’esercente soggetto privato che, in convenzione con il Comune, organizza il centro per la raccolta dei rifiuti in forma differenziata, sarà riconosciuta una riduzione del 30% della parte variabile della tariffa, a condizione che lo stesso riconosca ai clienti che conferiscono i rifiuti differenziati anche buoni sconto/acquisto-spesa da utilizzare presso lo stesso esercizio commerciale. Per le utenze domestiche è previsto, preliminarmente che, "ai fini della determinazione del numero dei componenti l'unità abitativa, possono non essere considerati occupanti: a) anziano dimorante in casa di riposo; b) soggetto che svolge attività di studio o di lavoro fuori dal territorio regionale per un periodo superiore a 6 mesi". RIDUZIONE PER COMPOSTAGGIO DOMESTICO: riduzione del 30% della quota variabile della tassa, con effetto dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello di presentazione di apposita istanza nella quale si attesta che verrà praticato il compostaggio domestico in modo continuativo e corredata dalla documentazione attestante l’acquisto dell’apposito contenitore. Conferimento di rifiuti in forma differenziata ai centri di raccolta CCR comunali (ancora non attivo) o presso centri di raccolta organizzati da esercenti soggetti privati in convenzione con il Comune: riduzione 50% della tassa, tanto nella parte fissa che in quella variabile. ESENZIONI in favore di soggetti e nuclei familiari in difficoltà e/o associazioni di volontariato: i nuclei familiari titolari di un reddito complessivo non superiore alla pensione minima INPS non proprietari di beni immobili comunque denominati. Nuclei familiari che, nell’anno precedente, risultano avere percepito esclusivamente redditi derivanti da essere stati avviati nei progetti di pubblica utilità o nei progetti borsa lavoro; avere ricevuto contributi di assistenza continuativa. Le organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) di cui all’art. 10 del D. Lgs n. 460/97. ESENZIONI/INCENTIVI azioni pro-ripopolamento centri storici: esenzione per 5 anni in favore delle giovani coppie di sposi e/o conviventi, entrambi di età inferiore ai 35 anni, che trasferiscono la propria dimora abituale negli immobili siti in Erice Vetta e nelle contrade di Ballata e Tangi, e vi dimorano per almeno otto mesi l’anno; riduzioni del 25% della parte variabile della tariffa per nuclei familiari residenti e dimoranti in maniera ricorrente e continuativa per almeno 8 mesi negli immobili siti in Erice Vetta e nelle contrade di Ballata e Tangi. RIDUZIONI IN FAVORE DEGLI ANZIANI del 20% della parte variabile della tariffa per nuclei familiari composti da soli anziani con almeno un componente di età superiore a 70 anni e con reddito del nucleo familiare inferiore o uguale a euro 10.000. RIDUZIONI ULTERIORI: abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato e discontinuo riduzione del 10%; riduzione del 10% per le abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora per più di sei mesi all’anno all’estero; riduzione del 10% per i fabbricati rurali ad uso abitativo.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings