Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 13 Giugno 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Trapani, Camera di Commercio, si dimette Alfano - Trapani Oggi

0 Commenti

3

3

2

3

1

Testo

Stampa

Trapani, Camera di Commercio, si dimette Alfano

23 Dicembre 2011 12:00, di Niki Mazara
Trapani, Camera di Commercio, si dimette Alfano
visite 339

Trapani, 23 dicembre 2011- Alessandro Alfano, fratello di Angelino, segretario nazionale del Pdl nonché ex ministro di Grazia e Giustizia, si è dimesso dalla carica di segretario generale della Camera di commercio di Trapani. Alessandro Alfano, ricordiamo, è sotto inchiesta nell'ambito delle indagini avviate dalla Procura di Palermo su falsi esami suoperati, ma mai sostenutio, da alcuni  studenti della Fcaoltà di Economia e Commercio all'Ateneo di Palermo. In una nota Alfano, che da funzionario delle Camere di Commerico regionale era poi risultato vincitore del concorso alla Camera di Commercio di Trapani, ha presentato la lettera di dimissioni ed in una nota ha ribadito "di aver regolarmente sostenuto gli esami all'università oggetto di verifica e a tal riguardo sono pronto a dare tutte le spiegazioni necessarie alla magistratura".Le mie dimissioni sono un atto di rispetto dei confronti di chi indaga - ha aggiunto Alessandro Alfano - e della Camera di commercio di Trapani affinchè questa vicenda non abbia ripercussioni sull'attività svolta dallo stesso ente". Infine, il fratello del segretario nazionale del Pdl ha voluto sottolineare di aver "svolto questo incarico con passione e devozione" e di voler evitare che "questa vicenda si possa prestare a strumentalizzazioni politiche". Ieri,intanto,agenti della squadra mobile di Palermo della sezione reati contro la pubblica amministrazione della squadra mobile di Palermo avevano sequestrato documenti e il fascicolo del concorso vinto da Alfano nell'ambito dell'inchiesta palermitana in cui il fratello dell'ex Guardasigilli è indagato assieme ad altri trenta. Aldilà delle dichiarazioni, vere o di facciata, e del reale o meno coinvolgimento del fratello dell'ex Ministro di Grazia e Giustizia, su cui sarà la Magistratura a decidere, registriamo una ennesima brutta pagina di storia quotidiana di una CASTA che continua ad agire come se nulla fosse in un contesto nazionale fatto di lacrie e sangue...altrui.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings