Trapani Oggi
Trapani Oggi

Sabato, 15 Maggio 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Utilizzo somme guerra in Libia, Osservatorio legalità chiede chiarimenti al Comune - Trapani Oggi

0 Commenti

3

2

1

1

4

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

Utilizzo somme guerra in Libia, Osservatorio legalità chiede chiarimenti al Comune

09 Dicembre 2015 13:34, di Ornella Fulco
Utilizzo somme guerra in Libia, Osservatorio legalità chiede chiarimenti al Comune
Attualità
visite 374

Per cosa saranno utilizzate le somme assegnate dall'ex Provincia regionale al Comune di Trapani come risarcimento dei danni derivanti dalle operazioni militari in Libia del 2011? A chiederlo sono, con una formale istanza di accesso agli atti, gli avvocati Vincenzo Maltese, Filippo Spanò, Vito Callotta e Valerio Duca, componenti del direttivo dell'Osservatorio per la legalità e per i diritti violati. “Ricordiamo che il Comune di Trapani - si legge nella nota diffusa dall'associazione - così come gli altri Comuni della provincia, è stato destinatario di un contributo che ammonta ad 233.770 euro, come indicato nella delibera numero 97 dello scorso 11 settembre. L'Amministrazione, per poter ottenere tale finanziamento, avrebbe presentato un progetto per iniziative promo-turistiche, da tenersi entro il mese dicembre di quest'anno. Tra le iniziative ammesse a finanziamento - sottolineano dall'Osservatorio per la legalità - si conosce solo la mostra delle opere di Picasso, per la quale è stata impegnata la somma di 40.000 euro ma nulla si sa di come si intenda impiegare le ulteriori somme né è stato fatto sapere del contenuto di tale progetto finanziato dal Libero Consorzio". La richiesta di chiarimenti e accesso agli atti è stata inviata al Comune - e anche al Libero Consorzio Comunale - non solo per conoscere come sarà utilizzato questo denaro pubblico ma anche in riferimento "all'assenza, ad oggi, di programmazione ed iniziative di eventi in città in occasione delle festività natalizie, senza tralasciare la mancata installazione di luminarie ed addobbi". La legge prevede 30 giorni di tempo, per l'amministrazione comunale, per fornire una risposta.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings