Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 29 Novembre 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

"ViEnergy", seminari formativi all'Istituto tecnico agrario "Damiani" - Trapani Oggi

0 Commenti

4

6

0

0

0

Testo

Stampa

Attualità
Marsala

"ViEnergy", seminari formativi all'Istituto tecnico agrario "Damiani"

13 Novembre 2014 15:58, di Niki Mazara
"ViEnergy", seminari formativi all'Istituto tecnico agrario "Damiani"
Attualità
visite 446

Avviati oggi , all’Istituto tecnico agrario “Abele Damiani” di Marsala i due seminari informativi del progetto “ViEnergy: Vigna Energetica”, finanziato nell’ambito del  Piano Operativo Italia-Malta 2007-2013 a sostegno degli interventi congiunti per la prevenzione dei rischi naturali e antropici. Gli incontri si concluderanno domani. La riduzione della dipendenza dalle fonti energetiche tradizionali e lo sviluppo di tecnologia relativa alla produzione di energia da fonti rinnovabili sono gli obiettivi generali del progetto mentre quelli specifici riguardano la riduzione delle emissioni inquinanti e dei costi energetici di produzione, lo smaltimento dei rifiuti in modo ecologico, lo sviluppo di nuove fonti di reddito, il mantenimento dei risultati anche dopo la conclusione del progetto. Le attività previste sono a valutazione del potenziale energetico disponibile attraverso la stima dei quantitativi di biomasse  residuali disponibili in alcuni siti della Sicilia e  di Malta precedentemente individuati,  la verifica di un additivo di origine agricola per la produzione di E-diesel  e la caratterizzazione della miscela etanolo diesel, il riutilizzo delle acque reflue di vinificazione, la captazione dell’anidride carbonica, derivante dalla fermentazione nell’industria enologica, da utilizzare nell’industria alimentare e/o nel settore energetico  l’utilizzo dell’energia solare per l’alimentazione di impianti di raffreddamento utilizzati nelle cantine. Nella città lilibetana è stato già effettuato un primo esperimento: l’E-diesel, che utilizza una piccola percentuale di etanolo (2,5%), altri alcool (3%) e un additivo di origine vegetale (0,2%), è stato testato per tre giorni su bus classificati Euro2 con risultati positivi. Capofila del progetto è l’IRVO Istituto Regionale del Vino e dell’Olio di Palermo; soggetti Partners sono il Consorzio di Ricerca per lo Sviluppo di Sistemi Innovatici Agroambientali di Palermo, il Centro Studi di Economia applicata all’Ingegneria di Catania, l’Alternative BioEnergy srl di Marsala, il Ministero per lo Sviluppo sostenibile, l’Ambiente e i Mutamenti climatici di Malta  e l’Università di Malta.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings