Trapani Oggi
Trapani Oggi

Lunedì, 21 Settembre 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Violenza nel quartiere Sant'Alberto: il PD chiede riposte forti dalle Istituzioni - Trapani Oggi

0 Commenti

3

27

1

0

0

Testo

Stampa

Politica
Trapani

Violenza nel quartiere Sant'Alberto: il PD chiede riposte forti dalle Istituzioni

17 Ottobre 2016 09:32, di Niki Mazara
Violenza nel quartiere Sant'Alberto: il PD chiede riposte forti dalle Istituzioni
Politica
visite 282

"Ècon estrema preoccupazione che il Partito Democratico di Trapani lancia un allarme sui fatti accaduti lo in una delle vie più popolate della città, via Michele Amari". Così esordisce in una nota stampa il segretario comunale del Pd, Francesco Brillante, secondo cui "quanto accaduto non può derubricarsi in alcun modo ad evento occasionale. Èsotto gli occhi di tutti che il disagio sociale, lo stato di abbandono in cui versano i quartieri popolari della città, e probabilmente la sofferenza che attraversa, come tutte le pubbliche amministrazioni, anche il comparto di sicurezza pubblica, è sfruttato per la costituzione o la consolidazione di nuove forme di criminalità". Il segretario sottolinea che "giungono dai nostri concittadini inquietanti (quanto timide) segnalazioni di atti di prepotenza e di violenza che devono essere immediatamente prese in considerazione da tutte le Istituzioni". Per questo lancia un appello al sindaco di Trapani, al prefetto, al questore "perché, senza ritardo, vengano poste in essere azioni consequenziali che diano un tangibile senso di reazione ai fatti criminali svoltisi in via Michele Amari, cercando cosi di evitare che i concittadini abitanti nelle zone a rischio si sentano abbandonati a sé stessi. La lotta a tutte le mafie, come alla semplice microcriminalità, passa da anche da piccoli gesti, e passa indispensabilmente dalle Istituzioni. Non bisogna permettere - prosegue Brillante - che ad un episodio di una tale gravità non corrisponda un ferma reazione delle istituzioni. Come Partito sul punto sentiamo il dovere di non lasciare nulla di intentato. Tutto - conclude - nell'indispensabile fine di dare la possibilità, soprattutto nei quartieri popolari, di vivere, oggi come domani, liberi: senza padrini, senza padroni, e soprattutto senza paura".

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings