Trapani Oggi

VivibilitÓ dei capoluoghi secondo Legambiente: Trapani all'87░ posto - Trapani Oggi

Trapani | Attualità

VivibilitÓ dei capoluoghi secondo Legambiente: Trapani all'87░ posto

27 Ottobre 2015 10:19, di Ornella Fulco
visite 503

La citt├á si colloca nella parte bassa della classifica di "Ecosistema urbano" 2015, la ricerca di Legambiente sulla vivibilit├á ambientale dei capoluoghi di provincia italiani realizzata in collaborazione con l'Istituto di Ricerche Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore. Il quadro generale del Paese├é┬áche ne emerge non ├Ę dei pi├╣ incoraggianti e i passi avanti fatti fino ad ora - secondo Legambiente - sono troppo pochi. Trapani perde 14 posizioni rispetto all'indagine del 2014 collocandosi all'87┬░ posto su 104. Peggio, in Sicilia, vanno Catania (100├é┬¬), Palermo (102├é┬¬), Agrigento (103├é┬¬) e Messina (104├é┬¬). A guidare la classifica nazionale, invece, sono Verbania, Trento, Belluno, Bolzano, Macerata e Oristano. Gli indicatori selezionati per confrontare tra loro i 104 capoluoghi di provincia italiani sono diciotto: tre indici sulla qualit├á dell┬ĺaria (concentrazioni di polveri sottili, biossido di azoto e ozono), tre sulla gestione delle acque (consumi idrici domestici, dispersione della rete e depurazione), due sui rifiuti (produzione e raccolta differenziata), due sul trasporto pubblico (il primo sull┬ĺofferta, il secondo sull┬ĺuso da parte della popolazione), cinque sulla mobilit├á (tasso di motorizzazione auto e moto, modal share [spostamenti privati motorizzati], indice di ciclabilit├á e isole pedonali), uno sull┬ĺincidentalit├á stradale, due sull┬ĺenergia (consumi e diffusione rinnovabili). Due degli indicatori selezionati per la classifica finale (incidenti stradali e consumi energetici domestici) utilizzano dati pubblicati dall'Istat. Entrando nel dettaglio, Trapani ottiene buoni risultati sulla "qualit├á dell'aria" collocandosi in 2├é┬¬ posizione in base alla presenza di biossido di Azoto nell'aria, preceduta da Enna e seguita da Avellino, 30├é┬¬ in base alla presenza di polveri sottili, 1├é┬¬ in base alla presenza di Ozono nell'aria. La citt├á appare "virtuosa" nei consumi idrici domestici con 123,9 litri per abitante consumati. Il dato ci colloca al 9┬░ posto della classifica su 104 capoluoghi di provincia. Ancora troppa la "dispersione idrica nella rete", con il 39,4 per cento, che fa scendere la citt├á al 66┬░ posto della classifica dedicata a questo indicatore. Trapani ├Ę 74├é┬¬ per "capacit├á di depurazione" e 88├é┬¬ nella classifica che prende in considerazione la produzione di rifiuti urbani con 647,2 chilogrammi per abitante. Il 9,4 per cento di raccolta differenziata realizzata costa alla citt├á il 92┬░ posto su 104 posizioni. Trapani ├Ę 25├é┬¬, nella classifica delle citt├á piccole, per numero di passeggeri del trasporto urbano e 22├é┬¬ in base al dato di percorrenza annua per abitante, sempre nel trasporto pubblico. Nessun dato disponibile sugli spostamenti privati motorizzati (indice di modal share) nella cui classifica primeggia Bolzano. 21├é┬¬ per auto circolanti (58 ogni cento abitanti), Trapani ├Ę 43├é┬¬ per tasso di moto circolanti (11 ogni 100 abitanti) e tristemente 79├é┬¬ nella classifica per numero di incidenti stradali (7,23 ogni 100mila abitanti). La citt├á sprofonda al 96┬░ posto su 104 per estensione delle isole pedonali con un indice dello 0,19 metri quadrati per abitante e si ferma al 79┬░ posto per "indice di ciclabilit├á" con l'1,15 per cento di "infrastrutturazione". Trapanesi "spreconi", secondo la classifica di Legambiente, nei consumi elettrici domestici che ci collocano in 94├é┬¬ posizione con 1.284 kwh per utenza. Non va meglio sul versante degli impianti ad energie rinnovabili installati su edifici comunali ogni 1.000 abitanti: nella classifica alla voce Trapani si legge 0,00. Questo per quanto riguarda gli indicatori presi in considerazione per stilare la classifica generale. In base agli altri parametri che non incidono (e forse dobbiamo dire, per fortuna) sul risultato finale Trapani ├Ę 79├é┬¬ per presenza di piste ciclabili, 101├é┬¬ per "verde urbano fruibile" pro capite, 76├é┬¬ per "aree verdi totali" sul totale del territorio comunale con un indice del 5,00 per cento. Per chi volesse consultare il dossier completo cliccare qui ┬ôPer sperare che le nostre citt├á migliorino - ha commentato il presidente nazionale├é┬áVittorio Cogliati Dezza - c┬ĺ├Ę una sola strada: fare la scelta strategica, con i Ministeri interessati coordinati da una vera cabina di regia, di puntare├é┬ásull'innovazione urbana e il miglioramento della vita in citt├á. Una scelta politica che andrebbe nella direzione dell┬ĺinteresse generale: si crea lavoro migliorando il benessere e mettendo al sicuro le nostre citt├á. Questa s├Č sarebbe un┬ĺottima carta con cui l┬ĺItalia, patria dei liberi comuni, si potrebbe presentare a Parigi, nella prossima COP 21 a dicembre┬ö.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie