Trapani Oggi
Trapani Oggi

Venerdì, 13 Dicembre 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

PeopleFly: su Birgi il traguardo è di centomila passeggeri sino a dicembre. Nostra intervista ad Andrea Caldart - Trapani Oggi

0 Commenti

7

0

0

1

0

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

PeopleFly: su Birgi il traguardo è di centomila passeggeri sino a dicembre. Nostra intervista ad Andrea Caldart

05 Aprile 2018 17:17, di Salvatore Morselli
PeopleFly: su Birgi il traguardo è di centomila passeggeri sino a dicembre. Nostra intervista ad Andrea Caldart
Attualità
visite 732

Centomila passeggeri da giugno a dicembre. Èquesto il traguardo che la PeopleFly, la società che opera nei voli charter ha fissato per la sua “avventura” nella scalo di Trapani – Birgi. Ce lo ha anticipato Andrea Caldart, Ceo & Funder della società che ha sede in Sardegna. “Un risultato che pensiamo sia raggiungibile, visto il riscontro che abbiamo ottenuto in queste ore in cui è stato reso noto un nostro interessamento ad operare nello scalo trapanese – ci ha detto Caldart - con oltre duecento prenotazioni in poche ore”. Una scelta non casuale, quella della società sarda, visto che su Trapani avevano operato dall’autunno del 2016 sino a gennaio 2018 con alcuni voli con Roma, Parigi, Bucarest e Barcellona, assicurando i collegamenti anche con una non sufficiente utenza. “Ora abbiamo deciso di tornare e proponiamo le tratte con Bologna, Roma, Pisa, Verona e Vilnius perché crediamo nella potenzialità del richiamo turistico delle isole, che esercitano una forte attrattiva per l’Asia, la Cina e l’America. In tale ottica - ci ha detto Caldart – abbiamo progettato delle rotte a lungo raggio che si vanno poi a innestare in quelle a corto raggio, dando la possibilità di raggiungere quei luoghi che esercitano un richiamo dal punto di vista turistico. E Trapani è indubbiamente uno di questi”. La società, dicevamo, opera nei voli charter come broker e per la gestione dei voli si affida a compagnie aeree titolari di licenza di esercizio. “ In questa fase di avvio ci muoveremo in questo modo, ma ci siamo interfacciati con fondi di investimento estero che hanno manifestato un forte interesse per favorire un nostro passaggio da broker a compagnia aerea. Èun passo che stiamo valutando- ha aggiunto il Ceo di PeopleFly – ricordando che noi non abbiamo contribuzione pubblica. Ecco quindi che se qualcuno ci vorrà stare vicino e vorrà pubblicizzare la sua attività attraverso noi, ne saremo contenti. Da parte nostra reinvestiremo parte di quanto ci darà il territorio in iniziative culturali sportive etc, magari anche con convenzioni particolari. Peraltro, questo nostro aspetto della filosofia aziendale prevede un coinvolgimento anche di strutture ricettive, della ristorazione etc., per cui potemmo investire assieme e cogestire questi investimenti”. Per i collegamenti da e per Trapani la PeopleFly si avvarrà di una compagnia aerea lituana (da qui la destinazione Vilnius) con sette aeromobili Boeing 737 da 178 posti. “ Abbiamo programmato di operare a Trapani sino alla fine del 2019, ma è nostra ferma intenzione di andare ben oltre tanto che in programma ci sono nuove tratte, Londra, la Germania, la Francia e il Nord Est Europeo che è un mercato in espansione, oltre che l’acquisto di una nuova aeromobile con 300 posti”. Sulle tratte italiane Caldart ha sottolineato come siano quelle che hanno un richiamo per il turismo anche interno, chiarendo anche la scelta di Fiumicino come aeroporto di Roma e non Ciampino. “ Una scelta dettata dalla possibilità che vogliamo dare a tutti di poter arrivare in orario utile (si parte alle 6,30 da Trapani con arrivo un’ora dopo) per potersi spostare sui voli internazionali evitando pernottamenti a Roma, quindi un aggravio di spesa. Èchiaro che Ciampino ci avrebbe fatto comodo in quanto avremmo abbattuto i costi aeroportuali, ma – evidenzia il Ceo di PeopleFly – abbiamo Trapani che ci propone un listino favorevole. Ciò non toglie che potremmo in futuro fare altre scelte. In chiusura voglio puntualizzare un aspetto: i prezzi che noi applichiamo sono in linea con quelli europei. Non non abbiamo sovvenzione alcuna, e la spesa di meno di 150 euro sulla tratta andata ritorno Trapani – Roma rientra nei parametri medi. Chi era abituato ad altre cifre sa bene che raggiungere Palermo ha dei costi aggiuntivi che non comprendono la comodità di uno scalo vicino”. Infine Andrea Caldart ha tenuto a ringraziare il presidente di Airgest Paolo Angius per la disponibilità dimostrata, quindi “un semplice cittadino, Giovanni Montalto, che senza nulla chiedere ma solo per amore del territorio si è speso per noi” oltre a quegli organi di informazione “ soprattutto il vostro, che ci hanno dato spazio e che mi hanno fatto vedere, con sorpresa, quanto grande sia l’attenzione per i collegamenti aerei con Trapani”. Dalle parole si passa ora ai fatti. Vedremo cosa avranno da offrire e se ci sarà vicendevole gradimento, sia la PeopleFly che l'utenza trapanese.

© Riproduzione riservata

Commenti
PeopleFly: su Birgi il traguardo è di centomila passeggeri sino a dicembre. Nostra intervista ad Andrea Caldart
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie