Trapani Oggi
Trapani Oggi

Sabato, 19 Settembre 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Presentato il programma di "Fly for peace" - Trapani Oggi

0 Commenti

3

2

0

2

3

Testo

Stampa

Cultura
Trapani

Presentato il programma di "Fly for peace"

15 Luglio 2014 17:41, di Niki Mazara
Presentato il programma di "Fly for peace"
Cultura
visite 417

Sarà allestito in piazza Vittorio Emanuele a Trapani e aperto da venerdì mattina alle ore 10 il Villaggio della pace, nell’ambito della prima edizione di “Fly for peace”, la tre giorni dedicata alla pace che si aprirà al Centro di cultura scientifica “Ettore Majorana” di Erice con i “Dialoghi della pace”. Il programma dell’iniziativa è stato illustrato nei particolari stamattina nella sala conferenze della Camera di Commercio di Trapani, alla presenza dei sindaci di Trapani ed Erice, Vito Damiano e Giacomo Tranchida, i vescovi di Trapani e Mazara del Vallo, monsignor Pietro Maria Fragnelli e monsignor Domenico Mogavero, Giorgio Buffa, amministratore delegato di “Fly for peace” e Maria De Vita, presidente del Consorzio “Solidalia”. A Trapani, piazza Vittorio Emanuele e il tratto del lungomare Dante Alighieri dirimpetto la piazza saranno il quartier generale dell’evento. «La posizione geografica di Trapani è favorevole per diffondere un messaggio di pace in tutto il mondo – ha detto il sindaco della città Vito Damiano – è una grande scommessa sulla quale abbiamo tanto investito». «La nostra iniziativa richiama quel sentimento collettivo di educazione alla pace a cui ha fatto riferimento papa Francesco – ha ribadito il vescovo Fragnelli – e proprio il Pontefice ha scritto un messaggio appositamente per “Fly for peace” che leggeremo prima della messa che sarà celebrata nella piazza domenica prossima. l'obiettivo è quello di legare il sentimento con una vera cultura della pace che sia impegno concreto». I “Dialoghi della pace” a Erice vetta apriranno – venerdì mattina – ufficialmente “Fly for peace”. «Bisogna superare l’idea che la pace giusta non sia possibile, e sia solo un traguardo ideale. Bisogna superare il senso di impotenza che ci fa dire: non abbiamo la forza, noi individui, di cambiare il destino di paesi e regioni. Bisogna armarsi del coraggio della parola e dell’ascolto. Sono questi i miei auspici per i “Dialoghi di Pace” che ci accingiamo ad aprire a Erice, con la coscienza che solo gesti coraggiosi possono aiutare il Mediterraneo a ritrovare la sua anima» ha detto il vescovo Mogavero. Venerdì alle ore 9,30 l’apertura al centro di cultura scientifica “Ettore Majorana” di Erice, con gli interventi del sindaco Giacomo Tranchida, di Antonino Zichichi, presidente della Fondazione “Ettore Majorana”, Rosario Crocetta, presidente della Regione Siciliana e fra Antonio Tofanelli, presidente di “Fly for peace”. La prima sessione di lavori sarà sul tema “Abramo padre dei credenti”, con la partecipazione di Joseph LEVI , Rosario PISTONE o.p. , Yahya PALLAVICINI . Modera monsignor Pietro Maria FRAGNELLI. La seconda sessione, alle ore 15,30, sarà focalizzata su “Il dono della pace”, con Ashraf AL-AJRAMI , Benjamin RUTLAND , il sindaco di Assisi Claudio RICCI LA PACE DELLO SPIRITO. Modera Flaminia GIOVANNELLI. Alle 17,30 la terza sessione su “Il Mediterraneo mare della pace”, con Carlotta SAMI MARE DEI BUTTAFUORI E DEI BUTTADENTRO, Gianni VAGGI MARE GREMBO DI UN’ECONOMIA DI PACE, Franco VACCARI MARE DI UNA PEDAGOGIA DELLA PACE. Modera monsignor Domenico MOGAVERO. Sabato alle ore 9,30 quarta ed ultima sessione su “Ai confini della pace”, con Paola CARIDI LA PACE CONDIVISA NELLA COMUNICAZIONE, Shady AMADI LA PACE DEI SALVATI, Suleiman BARAKA LA PACE SEGNATA DALLA MORTE, Luca PARMITANO LA PACE VISTA DAL CIELO. Modera Carmen LASORELLA, conclude Giorgio Buffa. E il “faro di pace del Mediterraneo” sarà la restaurata torretta Pepoli di Erice che, da sabato prossimo, tornerà ad essere accessibile in tutte le sue parti attraverso un sentiero che la collegherà a piazza San Giovanni e al Balio. La cerimonia di apertura è prevista alle 17 di sabato, al termine di una conferenza di presentazione che si terrà nella chiesa di San Giovanni. L'immobile fu il “pensatoio”, il luogo di ritiro, di studio e di riposo del te Agostino Pepoli, ma anche singolare ambiente dove egli, fra il verde e l’azzurro, ospitò amici di riguardo particolare. «Esiste un luogo dove si può studiare la pace? – ha detto il sindaco della Vetta Giacomo Tranchida – ecco, la torretta vuole rappresentare il luogo dove i giovani di tutto il mondo e di qualsiasi religione possono dialogare per costruire la pace». Da sabato sera i riflettori saranno accesi su Trapani. Alle 21,30 al Villaggio di piazza Vittorio Emanuele lo spettacolo “Tutti insieme per la pace”, con fra Antonio Tofanelli (presidente “Fly for peace”), Vito Damiano (sindaco di Trapani), monsignor Pietro Maria Fragnelli (Vescovo di Trapani) e l'esibizione de “Le farfalle azzurre”; La giornalista Carmen Lasorella intervista Benjamin Rutland, Al Ajrami, Sulemain Baraka, Luca Parmitano, Roberto Vittori; poi un intermezzo musicale con Rosalia Misseri e il collegamento in diretta con la Nasa, la presentazione dell’Air Show con Carmen Lasorella, la pattuglia “Wefly”, Samantha Cristoforetti, Jan Slanghen, il generale Pasquale Preziosa, Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica militare. A seguire lo spettacolo musicale de “Le Rondine”. Domenica, alle ore 10,45, in diretta su Raiuno dal Villaggio, la messa presieduta dal vescovo Fragnelli. Dalle 15,30 – sempre con diretta su Raiuno – l’Air show, con le Frecce Tricolori, il Reparto sperimentale di volo, il 37° stormo, la pattuglia acrobatica Breitling, il solista Francesco Fornabaio, il volo basso di un Boeing della Ryanair con una livrea dedicata a Fly for peace. In volo si esibirà anche la pattuglia Wefly, unica al mondo composta da piloti paraplegici che volano su aerei ultraleggeri appositamente modificati. La pattuglia, nata nel 2005, è composta da Alessandro Paleri e Marco Cherubini, che utilizzano aeromobili modificati, e dall'istruttore Erich Kustatscher. L’ospitalità a questa pattuglia è stata offerta dal Consorzio “Solidalia”: «Dando ostegno a questa pattuglia vogliamo lanciare un messaggio importantissimo, quello dell’abbattimento di ogni forma di barriera e dell’apertura alla diversità – ha detto il presidente Maria De Vita – questo evento, che ha come mission la promozione della pace e dell’integrazione fra i popoli, sarà un’occasione importante per coinvolgere i richiedenti asilo e gli operatori sociali coinvolti dal nostro Consorzio». Facebook: www.facebook.com/Flyforpeacecomitato

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings