Trapani Oggi
Trapani Oggi

Giovedì, 28 Gennaio 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Rapporto Legambiente su ecosistema urbano: Trapani tra le ultime in classifica - Trapani Oggi

0 Commenti

4

0

0

4

2

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

Rapporto Legambiente su ecosistema urbano: Trapani tra le ultime in classifica

02 Novembre 2017 09:09, di Redazione
Rapporto Legambiente su ecosistema urbano: Trapani tra le ultime in classifica
Attualità
visite 578

Trapani si piazza in fondo alla classifica della 24° edizione di "Ecosistema Urbano" di Legambiente, l’annuale rapporto sulle performance ambientali delle città capoluogo realizzato con il contributo scientifico dell’Istituto di Ricerche "Ambiente Italia" e la collaborazione editoriale de "Il Sole 24 Ore". La ricerca valuta lo "stato di salute' dei 104 capoluoghi di provincia italiani attraverso 16 indicatori suddivisi in macroambiti: aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente urbano, energia. I dati, che riguardano esclusivamente le città capoluogo, vedono in cima alla classifica Mantova, seguita da Trento e Bolzano. Nelle ultime venti posizioni si segnalano grandi città come Napoli (86°) e Roma (88°). Trapani si ferma al 93° posto della classifica. Dopo il nostro capoluogo di provincia, nelle posizioni più basse si trovano Monza, Caserta, Massa, Siracusa, Agrigento, Frosinone, Catania e Palermo,  Viterbo, Brindisi, Enna (104°). Questi, in dettaglio, i dati relativi a Trapani: per quanto riguarda la qualità dell’aria la città si attesta nel gruppo degli “insufficienti” insieme ad Avellino, Cagliari, Caltanissetta, Campobasso, Catania, Cuneo, Firenze, Forlì, Frosinone, Gorizia, Livorno, Massa, Messina, Novara, Nuoro, Pesaro, Pescara, Potenza, Prato, Ragusa, Ravenna, Rovigo, Teramo, Terni, Treviso, Trieste, Udine. “In Europa - si legge nel rapporto – si stima che i costi complessivi della cattiva qualità dell’aria oscillino tra i 330 e i 1.000 miliardi di euro, un fatturato negativo che vale tra il 2% e il 6% del PIL comunitario. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, 9 cittadini su 10 sono esposti a livelli eccessivi di polveri sottili e ozono. L’Italia, quanto a inquinamento atmosferico, è dunque in cattiva compagnia (ed è anche in procedura di infrazione per il mancato rispetto dei limiti di Pm10 e NO2). Ma è anche una delle nazioni (insieme ad alcuni Paesi dell’Est) che sta più debolmente – e senza continuità e azioni strutturali – affrontando il tema della definitiva uscita dalle periodiche e ripetute emergenze smog”. In tema di mobilità, mentre in Italia oggi ci sono città i cui abitanti non si muovono più prioritariamente in automobile ma con un di mix trasporto pubblico, piedi, bicicletta, Trapani ha medie molto basse per quanto riguarda il numero di passeggeri del trasporto pubblico e il tipo di offerta agli utenti. Per quanto riguarda le piste ciclabili, sono 1,16 i metri ogni 100 abitanti (a Reggio Emilia sono 41,02). Anche sulla gestione dei rifiuti il nostro capoluogo è in fondo alla classifica insieme a Siracusa, Reggio Calabria, Cagliari, Enna e Agrigento. In tema di gestione delle risorse idriche Trapani è fra le città con oltre il 35% di dispersione nella rete idrica. “Le reti idriche in Italia sono generalmente vecchie e scarsamente manutenute. Il 60% delle infrastrutture è stato messo in posa oltre 30 anni fa (la percentuale sale al 70% nei grandi centri urbani) e il 25% di queste ha più di mezzo secolo di vita (il 40% nei grandi centri urbani). In virtù di questo scenario è inevitabile un eccessivo spreco di acqua che va dispersa nel percorso tra fonte e rubinetto. La rete idrica ha bisogno di investimenti urgenti, anche in considerazione delle mutate condizioni climatiche che ripropongono periodicamente lunghi periodi di siccità”. “Per quanto riguarda gli incidenti stradali dopo due anni il numero delle vittime in Italia torna a ridursi rispetto al 2015 (-4,2%). Cosenza è l’unica città in cui il numero di morti e feriti è inferiore a 2 ogni 1.000 abitanti, a cui si aggiungono altre 15 città in cui il valore rimane al di sotto di 4. Tra le situazioni più critiche, 11 città registrano un numero che è almeno doppio, con Rimini, Genova, Bergamo, Massa e Trapani che superano  i 9 morti e feriti ogni 1.000 abitanti. L’analisi ha approfondito anche l’importanza del numero di alberi nell’area urbana: “la legge nazionale 10/2013 Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani riconosce l’importante ruolo che il verde, e gli alberi in particolar modo, rivestono nel controllo delle emissioni, nella protezione del suolo, nel miglioramento della qualità dell’aria, del microclima e della vivibilità delle città. A quattro anni di distanza dall’approvazione, però, soltanto il 62% dei capoluoghi è stato in grado di fornire un bilancio del numero di alberi in aree di proprietà pubblica (strade e parchi). Dall’analisi dei primi dati raccolti emergono differenze considerevoli: 21 città presentano una dotazione superiore a 20 alberi/100 abitanti e le 6 migliori superano i 30 alberi/100 abitanti (Bologna, Mantova, Rimini, Arezzo, Modena, Brescia), mentre 10 comuni non arrivano a 10 alberi/100 abitanti e i quattro peggiori rimangono al di sotto dei 6 alberi/100 abitanti (Trapani, Catania, Cuneo, Lecco). Il valore medio relativo ai 64 Comuni che hanno fornito il dato è di 18 alberi per ogni 100 abitanti”.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings