Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 13 Giugno 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Salemi, impianto fotovoltaico sul fondo confiscato alla mafia - Trapani Oggi

0 Commenti

3

3

2

4

1

Testo

Stampa

Cultura

Salemi, impianto fotovoltaico sul fondo confiscato alla mafia

20 Dicembre 2011 11:26, di Niki Mazara
Salemi, impianto fotovoltaico sul fondo confiscato alla mafia
Cultura
visite 320

Salemi, 20 dicembre 2011- E’ stato attivato in contrada Fiumelungo a Salemi un impianto fotovoltaico installato su un fondo confiscato alla mafia e gestito dalla «Fondazione San Vito Onlus» della Diocesi di Mazara del Vallo.  L’opera è la prima in Sicilia che nasce su un bene confiscato: 84 pannelli  producono 19,20 kw/h di energia che serve sia per soddisfare il bisogno del turismo rurale «Al Ciliegio» che, quella in più, immetterla nella rete elettrica italiana. L’impianto è stato progettato e realizzato come tetto di  una struttura che diventerà una stalla per due asini della razza pantesca che verranno affidati alla Fondazione dall’Azienda Foreste e Demanio. L’impianto fotovoltaico è stato inserito nell’ambito del progetto «Seminiamo la legalità» promosso col finanziamento della «Fondazione Vodafone Italia». Coi fondi dello stesso progetto è stata realizzata l’aula didattica al turismo rurale ed  interventi anche in contrada Pileri a Marinella di Selinunte (fondo confiscato  e affidato alla Fondazione diocesana). Per il fondo a Selinunte sono state acquistate due tende climatizzate da 12 posti ciascuno, servizi igienici mobili che hanno consentito di ospitare gruppi di giovani provenienti dal Nord Italia in esperienze di campo nei terreni confiscati. «Sono quasi dieci anni che, con lo spirito di costruire assieme il domani, la nostra Fondazione cerca di individuare soluzioni per lenire il disagio sociale, attraverso partenariati con il Terzo settore e le istituzioni – ha dichiarato il presidente della Fondazione Vodafone Italia, Antonio Bernardi – il nostro obiettivo in questo contesto è quello di contribuire, attraverso il sostegno al progetto “Seminiamo  la legalità” ad incrementare la fiducia da parte della cittadinanza rispetto al futuro. Interesse primario di tutte le imprese è proprio quello di poter operare in un clima dove vi sia rispetto e condivisione dei diritti e dei doveri, dove l’attività economica non sia condizionata da situazioni di illegalità diffusa».

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings