Trapani Oggi

Ai domiciliari il pregiudicato trovato con un arsenale di esplosivi - Trapani Oggi

Trapani | Cronaca

Ai domiciliari il pregiudicato trovato con un arsenale di esplosivi

26 Luglio 2020 09:23, di Laura Spanò
visite 2911

L'uomo era stato trovato in possesso di pericoloso materiale esplodente, per oltre 100 chilogrammi.

Arresti domiciliari e obbligo del braccialetto elettronico. E' quanto ha deciso il gip del Tribunale di Trapani, giudice Samuele Corso,nei confronti di  Emanuele Scimemi, 34 anni, pregiudicato, arrestato nei giorni scorsi dalla Squadra Mobile di Trapani. Scimemi era stato trovato in possesso sia nella sua abitazione sia nel magazzino di pertinenza, di pericoloso materiale esplodente, per oltre 100 chilogrammi.

Polvere nera di alluminio, artifizi pirotecnici e tutto il materiale occorrente alla preparazione dei “botti” di diverso tipo e misura, sono stati trovati dai poliziotti nel corso di una perquisizione condotta lo scorso 22 luglio, chiesta dalla Procura di Verona. Lì infatti la Polizia Postale aveva intercettato un pacco con dentro materiale pirotecnico illegale, e le indagini hanno fatto arrivare i poliziotti a Trapani, all’abitazione nel rione popolare di Sant’Alberto, in viale Marche, abitata da Scimemi. In totale sono stati 66 i reperti censiti dai poliziotti, tra questi diversi artifizi pirotecnici pronti per la commercializzazione, in totale 1132, e ancora 25 bomba carta, trovato anche materiale informatico, tale da far sospettare che lo Scimemi possa essere un abile hacker.

Secondo il gip Corso Scimemi non è un occasionale produttore di materiale pirotecnico, ma da un primo esame del materiale informatico in suo possesso, è risultato essere per il giudice un produttore e un commerciante , ovviamente abusivo e privo di qualsiasi licenza all’uso di questo pericoloso materiale, parecchio attivo. Peraltro nel magazzino non sarebbe stata trovata alcuna misura di sicurezza da impiegare in caso di incendi. Una esplosione avrebbe potuto mandare giù l’intera palazzina e danneggiare quelle vicine. Un pericolo evitato in una zona densamente abitata della città di Trapani. “

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie