Trapani Oggi
Trapani Oggi

Domenica, 25 Agosto 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Allagamenti in città, il sindaco: "Amministrazione al lavoro per individuare cause e interventi necessari" - Trapani Oggi

0 Commenti

2

0

0

0

2

Testo

Stampa

barraco
Attualità
Trapani

Allagamenti in città, il sindaco: "Amministrazione al lavoro per individuare cause e interventi necessari"

24 Settembre 2018 12:10, di Ornella Fulco
Allagamenti in città, il sindaco: "Amministrazione al lavoro per individuare cause e interventi necessari"
Attualità
visite 3695

"Gli allagamenti in città sono una questione annosa e chi ci ha preceduto, compreso il commissario straordinario, non poteva non sapere che esistono criticità. Ciò non significa, per la mia amministrazione, scaricare responsabilità ma solo chiarire che ci sono delle problematiche e che le stiamo affrontando. Attendo ancora le relazioni dai competenti uffici del Comune e poi procederemo con interventi mirati nelle zone in cui sono più urgenti". Così il sindaco di Trapani, Giacomo Tranchida, oggi, nel corso di un incontro con la stampa, a cui era presente anche l'assessore Ninni Romano, in cui si è fatto il punto sugli allagamenti che hanno interessato alcune zone della città come via Ammiraglio Staiti, piazza Jolanda, via Virgilio, via Pepoli, il quartiere Cappuccinelli. Il primo cittadino, rispondendo anche ad alcune polemiche rimbalzate sui social, ha precisato che "già dallo scorso mese di agosto si era provveduto alla pulizia di un certo numero di caditoie, affidando i lavori ad una ditta di Marsala, nelle aree storicamente più a rischio allagamenti, e poi con autospurgo".
Una decina di giorni fa, inoltre, l'assessore Romano e il dirigente del competente settore comunale avevano effettuato - "memori della vicenda del torrente Verderame - sopralluoghi nelle frazioni trapanesi per verificare lo stato dei luoghi. "Abbiamo deciso - ha proseguito Tranchida - di agire anche in sostituzione della Regione, se sarà necessario". 
Tranchida ha confermato che, da accertamenti compiuti in questi giorni, nella zona di piazza Jolanda, sono state riscontrate ostruzioni nelle condotte fognarie dovute allo sversamento, illecito, di cemento liquido da parte di chi ha eseguito lavori, che si è poi solidificato diventando un ostacolo al normale deflusso dell'acqua. 
"Ho la sensazione - ha proseguito il sindaco - che il problema non siano tanto le ostruzioni delle caditoie, quanto, piuttosto, delle condotte sottostanti che, negli anni, non hanno mai ricevuto una corretta manutenzione. Bisognerà fare verifiche approfondite per individuare i punti dove la capacità di smaltimento delle acque è ridotta. Al momento, alcune delle cose che sto affermando sono ipotesi basate su quanto riferitomi da gente che sta sul campo, attendo le relazioni dei tecnici, che tardano, e questo mi induce a pensare male degli uffici comunali. A tal proposito anticipo già prenderemo provvedimenti per chi non sa fare il proprio lavoro".
Per quanto riguarda l'allagamento in via Ammiraglio Staiti, il sindaco e l'assessore hanno ribadito che non si sarebbe trattato di un problema di caditoie ostruite ma degli scarichi a mare che non hanno funzionato. "Non ci risulta però - ha sottolineato il sindaco - che in quelle ore vi fossero alta marea o onde anomale ad impedire che l'acqua in eccesso sulla carreggiata defluisse in mare"
Tranchida ha annunciato anche l'avvenuta creazione di un "tavolo" di Protezione Civile al Comune (che non esisteva) di cui fanno parte personale del VII Settore, della Trapani Servizi, della Atm ma non il comandante della Polizia Municipale Di Peri che non ha le necessarie competenze operative". 
Il sindaco ha ribadito la massima attenzione della sua amministrazione alla problematica "anche se dobbiamo sempre fare i conti con l'orografia della città, che è piatta e che ha alcune zone sotto il livello del mare. Anche in base ai fondi presenti in bilancio dobbiamo verificare cosa si può fare in via straordinaria e cosa come manutenzione ordinaria".
"Si farà come dico io - ha concluso - perché la legge e la politica mi danno questa responsabilità. Abbiamo inoltre coinvolto le associazioni di volontariato che operano sul territorio che, se iscritte alla Albo regionale della Protezione Civile, faranno parte del nuovo sistema di Protezione Civile Comunale. Hanno già dato la loro adesione Antras e Vigili del Fuoco discontinui". 

© Riproduzione riservata

Commenti
Allagamenti in città, il sindaco: "Amministrazione al lavoro per individuare cause e interventi necessari"
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie