Trapani Oggi

Sindacati contestano il "declassamento" dell'ospedale "Vittorio Emanuele II" - Trapani Oggi

Attualità

Sindacati contestano il "declassamento" dell'ospedale "Vittorio Emanuele II"

22 Settembre 2018 09:27, di Redazione
visite 1657

Nel piano di riordino dell'Assessorato regionale alla Salute è prevista la chiusura di alcuni reparti

"L'ospedale Vittorio Emanuele II di Castelvetrano non può essere declassato". Ad affermarlo sono la Cgil, la Cisl, la Uil di Castelvetrano e le Associazioni Cna, Confcommercio, Sicilia e legalità, Coldiretti, Encal-Inpal, che contestano quanto previsto nel piano di riordino della nuova rete ospedaliera, elaborato dall'assessore regionale per la Salute Ruggero Razza.
Rispetto a quanto previsto nel decreto n. 70 del 02 aprile 2015, le strutture complesse presenti attualmente nel nosocomio passano da nove a tre e, riferiscono i sindacati verrebbero eliminati "reparti importanti come quello di Chirurgia generale, Ostetricia e Ginecologia, oncologia e Terapia intensiva, per i quali sono stati investiti fondi per oltre 4 milioni di euro e che risultano fondamentali per la coesistenza di altri reparti come la dialisi".
I rappresentanti delle sigle sindacali esprimono grande apprensione per i risvolti negativi che il nuovo piano potrebbe causare in termini di diritto alla salute per gli abitanti di Castelvetrano e di tutta la Valle del Belice. Inoltre c’è preoccupazione per la sorte dei dipendenti che operano all’interno del nosocomio.
Nei prossimi giorni, sindacati e associazioni chiederanno incontri con le Istituzioni per "evitare che il territorio della Valle del Belice e i suoi 110mila abitanti vengano penalizzati".

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie