Trapani Oggi

Morti bianche, la strage senza fine - Trapani Oggi

Italia

Morti bianche, la strage senza fine

13 Maggio 2022 18:41, di Laura Spanò
visite 1615

Il numero delle morti bianche stridono con i proclami su una maggior sicurezza sul luogo di lavoro

Ancora una morte bianca. Ancora un operaio che stasera non farà ritorno a casa, dalla famiglia, dai suoi affetti, dai suoi amici. Quello avvenuto oggi, venerdì 13 maggio, sull’autostrada A19 Palermo-Catania, all’altezza di Enna, è l’ultima morte bianca. Due operai precipitati da un ponteggio, da un’altezza di circa 5 metri. Uno dei due operai era già morto, mentre l’altro è stato trasportato all’ospedale di Enna per un grave trauma addominale.

Una lista lunghissima quella delle morti sul lavoro e il cui numero diciamocelo francamente stride con i proclami su una maggior sicurezza sul luogo di lavoro.

Solo 189 nei primi tre mesi del 2022. Ieri, 12 maggio, altre tre: è morto l’operaio caduto nel vuoto 24 ore prima a Napoli e ha perso la vita un altro operaio nel bresciano schiacciato dalle travi del cantiere, mentre un 90enne è deceduto lavorando in agricoltura su un terreno di sua proprietà in Basilicata. In Brianza un operaio è rimasto folgorato da un cavo dell’alta tensione.

Una strage senza fine quella a cui assistiamo giorno dopo giorno.

Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno è cresciuto del 2,2% il numero degli incidenti mortali sui luoghi di lavoro. E' aumentato anche il numero di denunce di morte di lavoratrici, passato da 14 a 24 in tre mesi, mentre gli uomini rimasti uccisi sono scesi da 171 a 165, ma è una magra consolazioni, sono sempre numeri importanti e si tratta di persone.

Sono aumentate del 50,9% anche le denunce per infortunio sul lavoro rispetto ai primi tre mesi del 2021. Continua ad essere pesante il tributo di sangue che si paga lavorando in questa nostra Italia. Una Italia dove di lavoro e sul lavoro si continua a morire, nelle fabbriche, nei campi e nelle serre, nei cantieri edili, nei magazzini, in mare, su mezzi di trasporto, nelle strutture ospedaliere, per strada. Dietro ciascun numero, una persona, una famiglia devastata dalla perdita, interrogativi che si rincorrono, promesse e  impegni.

Morti che segnano queste...

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie