Trapani Oggi
Trapani Oggi

Martedì, 22 Settembre 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Nuove norme su prescrizione farmaci, l'OdM chiede sospensione decreto regionale - Trapani Oggi

0 Commenti

3

0

1

0

1

Testo

Stampa

Salute
Trapani

Nuove norme su prescrizione farmaci, l'OdM chiede sospensione decreto regionale

12 Luglio 2016 11:20, di Niki Mazara
Nuove norme su prescrizione farmaci, l'OdM chiede sospensione decreto regionale
Salute
visite 561

Sospendere, per un periodo, il decreto regionale che stabilisce l'appropriatezza dei medici specialisti di prescrivere farmaci ed esami diagnostici. Lo ha proposto la “Commissione integrazione ospedale territorio” dell'Ordine dei medici di Trapani all'Assessorato regionale alla Salute per consentire agli specialisti di formarsi sull'utilizzo della “web application”, cioè il sistema software per le prescrizioni di ricette “de-materializzate”, e ai medici di famiglia di poter continuare a prescrivere, per sei mesi, farmaci ed esami diagnostici. La proposta, scaturita nel corso di un incontro tra il presidente dell'Ordine dei medici, Rino Ferrari, il responsabile della “Commissione integrazione ospedale territorio”, Paolo Buffa, e Sergio Buffa dell'Assessorato alla Salute, mira a tutelare da possibili errori sia i pazienti che i medici prescrittori. In particolare, la legge obbliga, oggi, anche gli specialisti, e non più solo i medici di famiglia, a prescrivere i farmaci e le indagini strumentali che ritengono necessari. “Sebbene possa sembrare semplice redigere una ricetta – dice il presidente dell'Ordine Rino Ferrari – in realtà è un atto su cui vanno precisate non solo le generalità del paziente, ma tutto ciò che concerne lo stato sociale e le varie esenzioni che il paziente ha maturato con il proprio quadro clinico. Un errore di compilazione potrebbe creare un danno per il paziente e per il medico prescrittore, per questa ragione riteniamo che la formazione sia indispensabile”. Per l'Ordine dei medici “il decreto giunge, inoltre, in un momento critico per la sanità gravato da tagli economici che si ripercuotono sul numero di personale medico e paramedico e, dunque, sui reparti specialistici ospedalieri e territoriali, ragion per cui si sono registrate diverse divergenze e contraddizioni di condotta tra i medici di medicina generale e gli specialisti”. “L'ordine – dice il presidente Ferrari - ha l'obbligo di tutelare tutti i medici, arginando le difficoltà ed evitando il sovrapporsi di diverse figure sanitarie, e di fare in modo che sia garantita la continuità assistenziale scongiurando effetti negativi sui pazienti”. “Le nuove prescrizioni tramite sistema software – dice Sergio Buffa dell'assessorato alla Salute – rappresentano un importante passo in avanti e vanno incontro al paziente facilitando e velocizzando le procedure di assistenza clinica. L'utilizzo della ricetta de-materializzata - conclude - determina inoltre un risparmio per il sistema sanitario di svariati milioni di euro, denaro che potrebbe essere investito per migliorar l'assistenza”.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings