Trapani Oggi

Brillante: "Aprire nuova fase politica per il bene della città" - Trapani Oggi

Trapani | Politica

Brillante: "Aprire nuova fase politica per il bene della città"

24 Luglio 2014 16:06, di Niki Mazzara
visite 701

"I tempi sono maturi per restituire questa città alla volontà dei propri cittadini"lo afferma con una nota diffusa alla stampa, il segretario comunale...

"I tempi sono maturi per restituire questa città alla volontà dei propri cittadini"lo afferma con una nota diffusa alla stampa, il segretario comunale del PD, Francesco Brillante. "Una parata di aerei di un giorno - prosegue - non risolve i problemi di due anni di mancata gestione di una città. Leggo le dichiarazioni dell’onorevole Rugirello di questi ultimi giorni, dalle quali si nota, finalmente, la presa di coscienza anche di ulteriori livelli della politica trapanese, oltre quelli di livello comunale. La città è amministrativamente alla deriva. La stagione estiva è più che inoltrata e non si ha un assessore al Turismo e alla Cultura. Coloro che volessero contribuire allo sviluppo dell’intrattenimento in questo territorio non hanno un interlocutore. Probabilmente non ce l’avranno neppure a breve. Molti dei consiglieri comunali hanno ancorato una valutazione sulla mozione di sfiducia al piano finanziario. Quale Piano Finanziario? Quale Assessore al Bilancio lo sta predisponendo? Quale revisori si stanno consultando? Diciamolo con chiarezza - prosegue Brillante - non si trova chi voglia fare l’assessore per questo sindaco. Imbarazzante". "Trapani - si legge ancora nella nota - è in costante limbo, insostenibile per i cittadini che si ritroveranno nella migliore delle ipotesi tutto fermo, e nelle peggiori un aggravamento dato dai vari IUC, Tasi , Tares, Imu ecc. Oltre questo, non è solo il “danno emergente” da considerare come effetto della mala gestio, ma anche il “lucro cessante”. Giusto per fare un esempio, la mancata attivazione della raccolta differenziata causa una sanzione al Comune di diverse centinaia di migliaia di euro dei CITTADINI. Il mancato rispetto dei termini dell’accordo di co-marketing per l’aeroporto di Birgi sta creando palpabili danni a tutto il territorio con la consequenziale diminuzione di voli. Cosa succederà in caso di ulteriore persistenza nella morosità è facile da immaginare. Dove vuole andare questo territorio? Non si sa, perché un progetto non c’è. La soluzione migliore che viene in mente al sindaco - commenta il segretario comunale del PD - è ammainare una bandiera e chiedere una colletta. Dimenticando che un Primo cittadino non ha solo il compito di gestire, ma anche quello di “creare” i presupposti per nuove forme di finanziamento, per nuovi investimenti, per una nuova e migliore gestione delle risorse. Ma forse è chiedere troppo. No, non lo possiamo più sostenere “comandante” cosi". Il PD di Trapani - sottolinea Brillante - non sta con quest’Amministrazione, e non la vuole più. Ma chi ci sta, e chi la voglia sono il vero mistero contemporaneo. In un clima dove il Primo cittadino prende dure distanze dalla politica e dove la politica prende dure distanze da lui; e dove il cittadino non crede più nel suo operato, perché un singolo consigliere dovrebbe fermare questo processo di cambiamento? Presto detto. Se si toglie il mandato della cittadinanza - ampiamente revocato -, e si toglie ancora il mandato della politica -malamente revocato -, resta solo...anzi sola la poltrona. Ègiusto tracciare chiara la linea. Il cambiamento passa da una scelta, la scelta c'è già. Chi non sceglie non lo fa per ragioni politiche - che sono manifestamente ripudiate dal Sindaco ogni giorno - o filantropiche, ma lo fa per puro interesse. Interesse di portare a casa la “pagnotta”, interesse di riuscire a lucrare sul Sindaco quando sarà più debole, interesse a trovare tempo per cercarne un altro per fare di Trapani la solita terra di nessuno. Sia chiara la ragione a tutti, specie quando altre non ve ne sono". "Allora - prosegue l'esponente del PD - hanno ragione quelli che pensano che sia ora di smetterla di parlare, hanno ragione quelli del “tutti a casa”, ed hanno ragione quelli che non ci credono più. Perché c’è un tempo per ragionare, uno per concertare, ma quando tutto si esaurisce , quando anche gli Assessori “personali” gettano la spugna, si deve riacquistare la sana facoltà di indignarsi. Perché il solo modo per superare un errore, è quello di ammetterlo e da questo imparare a non ripeterlo andando avanti". Lo status quo - conclude il segretario Brillante - ce lo possiamo più permettere. Il tempo è già scaduto. Con chiarezza, preso atto che molte altre forze politiche stanno acquisendo il giusto grado di consapevolezza, lancio un appello affinché, di concerto, si possano aprire nuove e comuni vie che possano portare ad una nuova fase politica, che sinceramente Trapani merita".

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie