Trapani Oggi

I Segni di Venere. A Erice il Festival di talenti. Un nastro giallo in ogni casa per unire idealmente tutte le donne - Trapani Oggi

Erice | Attualità

I Segni di Venere. A Erice il Festival di talenti. Un nastro giallo in ogni casa per unire idealmente tutte le donne

05 Marzo 2021 18:18, di Redazione
visite 1730

Madrina: Maria Grazia Cucinotta. Premio Venere d'Argento al magistrato Solveig Cogliani

Forse non esiste una figura più simbolica di Venere per raccontare la donna. Bella, probabilmente sia dentro che fuori, femmina elegante e politica intelligente, scelse di testa sua di seguire il cuore. Al netto di tanta mitologia, è una donna, chiamata a rappresentare le donne. Che di questi tempi non è che se la passino benissimo: se da un lato sono state ricacciate spesso a casa dalla pandemia, dall'altro hanno dovuto riscrivere i confini della vita quotidiana per riuscire a raggiungere tutto. In un mondo male addicted che le guarda ancora con sospetto e spesso le sistema su una poltrona soltanto quando non può farne a meno, le donne sgomitano ma reggono il passo. Per raccontarle, discutere delle diverse situazioni, riunirsi sotto un unico filo – giallo -, nasce una manifestazione che anticipa la Festa della donna, ma chiama al confronto. Da Erice medievale (TP) guardata a vista dal Castello di Venere, si srotola I SEGNI DI VENERE, un progetto che candida la città a diventare annualmente sede di confronto, laboratorio di idee e fucina di talenti al femminile.  Progetto a cui hanno già assicurato il loro supporto Zonta -  Palermo Zyz organizzazione Internazionale per i diritti delle donne e la Fondazione Marisa Bellisario che collaborano al progetto promosso dall’Associazione Le Gemme e dal Comune di Erice. Tra i partner istituzionali la Consigliera di Parità per la Regione Siciliana, la Fondazione Erice Arte, il Centro di cultura scientifica Ettore Majorana, il Parco archeologico di Segesta, Libero Quotidiano e ANSA.

In questo strano 2021, si è pensato di organizzare un primo appuntamento in gran parte da remoto, in attesa di poterlo poi far svolgere in presenza. L'appuntamento è per domenica 7 marzo alle 11 nella sala consiliare del Palazzo municipale del borgo con “I segni di Venere: festival dei talenti” ideato da Maria Giambruno La Porta. Dopo la presentazione del progetto e il dibattito che vede la partecipazione, tra gli altri, del Ministro per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti, sarà consegnato il premio “Nel segno di Venere” – che recupera uno storico riconoscimento della Venere d'Argento - a Solveig Cogliani, magistrato del Consiglio di Stato, pittrice, scrittrice, responsabile giuridica dell'associazione “Vite senza Paure” a sostegno delle donne vittime di abusi. La giornata – tenuta a battesimo da Maria Grazia Cucinotta -  è contraddistinta dal colore giallo, un unico nastro solare contro discriminazioni e violenze sulle donne, metafora della voglia di farcela sempre e ad ogni costo. Giallo Mimosa, certo, ma anche il colore che dinanzi alle case americane, durante la guerra, indicava il rientro dei soldati dal fronte evidenziando la loro assenza e l'attesa; inoltre negli Stati Uniti, e per Zonta, il fiore/simbolo adottato per celebrare la donna è la rosa gialla. Da qui la proposta ad Erice, città guidata da una donna, di adottare un nastro giallo per rappresentare il cammino di tutte le donne e le loro attese. Un nastro giallo da appendere ad ogni casa.

“La pandemia che stiamo vivendo ha messo in evidenza il limite di una società distorta, cresciuta sulla costruzione di un futuro che non ha tenuto conto delle esigenze delle donne – dice Maria Giambruno,  ideatrice del progetto - Uomini e donne non sono nemici su un campo di battaglia, non portano diverse esigenze ma hanno un differente modo di vedere le cose”. Erice è guidata da un sindaco donna. “Erice ha un fortissimo rapporto con Venere – intervengono il sindaco Daniela Toscano e l’assessore alla Cultura Rossella Cosentino -,  un filo sottile ma robusto che deve fare da volano alla convinzione che noi donne ci siamo e vogliamo continuare ad essere protagoniste del nostro presente e futuro”.

Il mosaico dei talenti

Domenica le donne si racconteranno in piazza. Domenica mattina nella piazza della cittadella storica le donne potranno presentarsi attraverso brevi registrazioni che verranno raccolte in un corner della piazza ispirata alla donna e addobbata con nastri gialli. I cammei saranno raccolti nel sito www.isegnidivenere.com, doveIl mosaico dei talenti” ospiterà storie ed esperienze di donne, testimoni di bellezza che, punta a costituire un database “rosa” di Sicilia.

Il programma

Domenica 7 marzo | ore 11 | aula consiliare di Erice e in diretta streaming sul sito del Comune di Erice,  su www.isegnidivenere.com, e sui canali social I segni di Venere.

Saluto di Maria Grazia Cucinotta, in streaming dalla Cina

Saluto dell'amministrazione comunale di Erice, del sindaco Daniela Toscano, dell’assessore alla Cultura Rossella Cosentino, del baby sindaco Irene Vitaggio; dell’ideatrice del progetto Maria Giambruno, presidente di Zonta Palermo Zyz e di Marcella Cannariato, delegata regionale della Fondazione Marisa Bellisario; Introduzione di Lorenzo Zichichi sul rapporto tra Venere ed Erice

Ore 11.30 Avvio del dibattito sul tema “Le donne generatrici di economia” con:

            Elena Bonetti Ministro per le Pari opportunità e la famiglia

            Margherita Ferroconsigliera di Parità per la Regione Siciliana

            Marcella Cannariato delegata regionale Fondazione Marisa Bellisario

            Lilly Ferro Fazio amministratrice FAZIO casa vinicola in Erice

            Daniela Toscano sindaco di Erice

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie