Trapani Oggi

Il sequestro, le minacce, la condanna - Trapani Oggi

San Vito Lo Capo | Cronaca

Il sequestro, le minacce, la condanna

09 Febbraio 2023 15:25, di
visite 2153

Un anno e sei mesi la pena inflitta ad un sanvitese denunciato dal comandante della locale Guardia costiera

Dopo sette anni  e mezzo e tre gradi di giudizio  è arrivata la condanna definitiva per  un sanvitese accusato di oltraggio a pubblico ufficiale e tentata violenza privata per aver insultato e minacciato il comandante della Guardia costiera della località balneare, maresciallo Tommaso Rallo. La Cassazione, infatti, ha confermato la sentenza di condanna, a un anno e sei mesi di reclusione,  emessa dalla Corte di Appello di Palermo nei confronti di Andrea Di Liberti di 66 anni. In primo grado, l'imputato era stato assolto, nell'ottobre del 2018, dal tribunale di Trapani. 
Contro la sentenza di assoluzione, però era stato presentato ricorso. E così nell'ottobre del 2021  Di Liberti veniva condannato in Appello. A scrivere la parola fine alla lunga vicenda processuale è stata la Corte di Cassazione. 
Vicenda che ruotava attorno ad un sequestro di ombrelloni, sdraio e lettini, eseguito nell'agosto del 2015, sulla spiaggia di San Vito Lo Capo, dalla Guardia costiera, su disposizione della Procura di Trapani. 
Sequestrò che colpì anche la moglie e alcuni parenti di Andrea Di Liberti. Quest'ultimo, il giorno dopo il blitz sull'arenile sanvitese, si recò nei locali della Capitaneria per chiedere spiegazioni al maresciallo Tommaso Rallo. Il comandante, però, era impegnato. L'incontro, pertanto, saltò. Circostanza, questa, che mandò su tutte le furie Andrea Di Liberti che quando incontrò per strada il sottufficiale ,  dopo averlo condotto in un angolo, iniziò a minacciarlo e ad insultarlo,  incurante della presenza di tanti turisti che assistettero alla scena. 
Querelato da Tommaso Rallo, Andrea Di Liberti finì a processo. Dopo 7 anni per l'imputato è arrivata la condanna.
. Ad assistere il maresciallo, l'avvocato Fabio Sammartano.

© Riproduzione riservata

De Luca
Ti potrebbero interessare
Altre Notizie