Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 13 Novembre 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Secondo anniversario omicidio, messa in ricordo di padre Michele Di Stefano - Trapani Oggi

0 Commenti

3

1

3

2

2

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

Secondo anniversario omicidio, messa in ricordo di padre Michele Di Stefano

23 Febbraio 2015 11:17, di Ornella Fulco
Secondo anniversario omicidio, messa in ricordo di padre Michele Di Stefano
Attualità
visite 190

Ricorre giovedì prossimo, 26 febbraio, il secondo anniversario dell’assassinio di don Michele Di Stefano. Alle ore 18, nella chiesa parrocchiale “Gesù, Giuseppe e Maria” di Borgo Livio Bassi, sarà celebrata una messa presieduta dal vescovo di Trapani Pietro Maria Fragnelli. Don Michele Di Stefano, 79 anni, originario di Calatafimi, venne ucciso a colpi di bastone, mentre dormiva, il 26 febbraio del 2013, nella casa canonica adiacente alla chiesa della piccola frazione trapanese. L’assassino, Antonino Incandela, 33 anni, reo confesso, era un suo parrocchiano ed è stato condannato in primo grado a trent'anni di reclusione. La sentenza del processo d’appello è prevista entro la fine di questo mese. Il Procuratore generale di Palermo ha chiesto la conferma della condanna. Ordinato presbitero a Calatafimi dal vescovo Francesco Ricceri nel 1965, sacerdote per 48 anni, padre Di Stefano era stato parroco per 43 anni nella frazione di Fulgatore. Compiuti i 75 anni aveva dovuto lasciare quell'incarico ma aveva scelto di proseguire il suo ministero pastorale nella piccola parrocchia “Gesù, Giuseppe e Maria” della vicina Ummari. Per molti anni don Di Stefano è stato assistente dei lavoratori di Azione Cattolica e assistente spirituale della Coldiretti provinciale, ruolo al quale dedicava molte energie. Il suo nome è stato inserito da Fides nell’elenco dei missionari morti nel mondo nel 2013.

© Riproduzione riservata

Commenti
Secondo anniversario omicidio, messa in ricordo di padre Michele Di Stefano
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie