Trapani Oggi

Si arrende a Cividale la Trapani Shark, 73-68 il finale - Trapani Oggi

Sport

Si arrende a Cividale la Trapani Shark, 73-68 il finale

10 Febbraio 2024 09:18, di Redazione
visite 1758

La sconfitta arresta la serie di vittorie consecutive della compagine trapanese

Sono UEB Gesteco Cividale e Trapani Shark ad inaugurare la Fase ad Orologio del Campionato di Serie A2 di basket. Una inaugurazione incredibile con i padroni di casa che vincono 73-68 interrompendo una striscia di 17 vittorie consecutive e dimostrando, da subito, che in Serie A2 non c'è nulla di scontato

La cronaca (Fonte Ufficio Stampa Trapani Shark) -

Trapani inizia patendo un problema fisico a Imbrò: Rodriguez viene gettato nella sfida dopo un minuto. Il 5-0 autografato da Lamb per Cividale è segnale della battaglia che attende gli Shark, anche se Mobio decide di rispondere con la stessa moneta (5-5, 4’).

Arriva subito il secondo fallo di JD Notae, che realizza il primo canestro della sua partita con una volée assistita da Rodriguez. In linea generale, gli attacchi hanno la meglio sulle difese, anche sfruttando le rispettive transizioni offensive.

Il risultato è una serie di canestri in entrambe le metà campo (17-20, 8’), con Trapani che torna a ruotare tanti giocatori già dal primo quarto. Berti, a 56 secondi dalla prima sirena, regala la parità a Cividale.

Si va al primo riposo sul 23-22, parziale sigillato da un ottimo canestro di Berti (assist di Redivo).

La performance personale di Lamb è eccellente (in doppia cifra già all’11’, 26-22). Cividale è grintosa (28-22), gli Shark devono stringere in difesa se vogliono rimanere fino in fondo nel ritmo della gara.

Renzi sostituisce alla grande Horton (8 punti in meno di 4 minuti sul parquet, 28 pari al 13’), anche Mobio va in doppia cifra e gli Shark sorpassano gli avversari (28-34, 16’) con l’autografo da tre di Fabio Mian. Trapani, adesso, gioca con fluidità, anche se Cividale non molla di un millimetro.

L’intervallo più lungo giunge sul 35-41, con la sensazione che gli Shark vadano nello spogliatoio con un buon equilibrio psicofisico e dovendo ancora trovare la verve offensiva migliore con qualcuno di loro.

Il canestro da oltre 6.75 di Marangon avvicina i padroni di casa e subito dopo si rivede proprio Horton a segno.

Gli Shark concedono qualche secondo tiro di troppo, ma complessivamente difendono bene. Non riescono, semmai, a trovare con continuità la via del canestro, ma Mian (altro uomo in doppia cifra) spinge i compagni sul “più 8” (40-48, 28’).

Dopo il massimo vantaggio granata (40-49), Redivo sospinge ancora a “meno 3” (46-49, 28’) e il finale di terzo quarto è una scarica di adrenalina dei friulani, rintuzzata dal canestro finale di Renzi da oltre 6.75 (48-54).

Sei lunghezze di vantaggio sono troppo poche per pensare di gestire, e Cividale fa subito capire come lotterà fino allo spasimo, piazzando un parziale di 10-0 (58-54, 33’). Horton ci mette una pezza, ma Cividale è in stato di grazia, costringendo Trapani a un faticoso inseguimento.

Con le unghie e con i denti, gli uomini di Parente rimangono attaccati alla gara (63-60, 34’). Cividale vola sul “più 9” (69-60, 36’) e, finalmente, Mian e Marini, dalla lunetta, rompono il digiuno offensivo (69-63, 37’, ma la serata, proprio ai liberi, è negativa).

Gli ultimi 120 secondi iniziano sul 71-65. Schiacciata di Horton (assist di Mian), ma è l’ultimo sussulto. Per Cividale è meritata vittoria e per gli Shark arriva la prima sconfitta stagionale esterna (73-68).

© Riproduzione riservata

Tag basket
Ti potrebbero interessare
Altre Notizie