Trapani Oggi
Trapani Oggi

Mercoledì, 16 Giugno 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Spaccio di stupefacenti, un arresto e due avvisi di garanzia - Trapani Oggi

0 Commenti

3

1

1

2

1

Testo

Stampa

Cronaca
Alcamo

Spaccio di stupefacenti, un arresto e due avvisi di garanzia

16 Settembre 2017 13:05, di Ornella Fulco
Spaccio di stupefacenti, un arresto e due avvisi di garanzia
Cronaca
visite 476

Arrestato ieri dagli uomini della squadra investigativa del locale Commissariato di Polizia, il 37enne alcamese Domenico Presti, commerciante di frutta e verdura, noto alle forze dell'ordine per la sua posizione di rilievo negli ambienti dello spaccio di cocaina. Un avviso di conclusione di indagini preliminari e contestuale informazione di garanzia è stato anche notificato ad A.L., dottoressa alcamese di 44 anni, e a Giuseppe Di Giovanni, indicato come uomo di fiducia della famiglia mafiosa dei Melodia. I provvedimenti nascono da una indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Trapani e condotta dagli investigatori del Commissariato, partita dal sequestro di 13 chilogrammi di hashish e marijuana trovati in una abitazione di Alcamo Marina nella disponibilità di Di Giovanni. Lo stupefacente era stato rinvenuto durante l’esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dalla DDA di Palermo in occasione della operazione antimafia “Freezer” del 21 febbraio 2017 portata avanti dalla Polizia. Il giovane boss mafioso è accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La dottoressa, fermata e trovata in possesso di una modica quantità di cocaina, aveva fornito agli investigatori una versione dei fatti falsa per proteggere il suo fornitore, individuato in Domenico Presti. In numerosi casi la vendita di stupefacente alla dottoressa era avvenuta mentre l'uomo si trovava sottoposto agli arresti domiciliari per analoghi reati. Per tale ragione, dopo le segnalazioni del Commissariato, la Corte d’Appello di Palermo ha disposto nei suoi confronti la custodia cautelare in carcere.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings