Trapani Oggi

Trovato morto il boss di Licata Giovanni Lauria - Trapani Oggi

Cronaca

Trovato morto il boss di Licata Giovanni Lauria

20 Agosto 2023 18:34, di Redazione
visite 2703

Se ne va un altro pezzo da 90 della vecchia mafia siciliana

Un altro pezzo da 90 della vecchia mafia siciliana è morto. Stamane è morto infatti a Licata Giovanni Lauria, 83 anni detto “il professore”. Lauria è ritenuto il massimo esponente della mafia licatese, già consigliori del boss agrigentino Giuseppe Falsone. Lo hanno trovato stamani i familiari nella casa dove abitava. Forse stroncato da un infarto. Nel marzo del 2020, il giudice per l’indagine preliminare del tribunale di Palermo aveva disposto la scarcerazione di Lauria che era detenuto nel carcere di massima sicurezza di Tolmezzo per scontare una condanna subita alla fine del processo Assedio – Halycon. Il giudice aveva concesso gli arresti domiciliari in ragione dell’età avanzata ed ordinato l’applicazione del braccialetto elettronico. Lauria, figura principale delle inchieste Assedio – Halycon che hanno fatto luce sugli intrecci tra mafia, politica e massoneria del clan licatese, era rimasto coinvolto anche nell’ultima importante inchiesta antimafia dell’agrigentino denominata Xydi che aveva sgominato gli storici clan mafiosi tra Agrigento, Palma di Montechiaro e Canicattì.

Nel Trapanese

Ancora un altro boss dunque che muore nel suo letto così come altri prima di lui anche nel trapanese. Nel 2018 ad Alcamo nel suo letto morì il Nicola “Cola” Melodia, aveva 94 anni. Uno dei rari casi di presunti boss che hanno attraversato oltre 60 anni di storia di cosa nostra alcamese passando dal ruolo di fedelissimi gregari a quello dei vertici. Melodia si spense nella sua abitazione di via Vincenzo Imperiale di Alcamo, a causa degli acciacchi dovuti all’età non usciva più da casa. Al suo capezzale solo donne. Sempre ad Alcamo anche Vincenzo Rimi e il figlio sono stati esempi di boss morti nel proprio letto.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie