Trapani Oggi

Agricoltori: soddisfazione dei sindacati dopo i vertici di Roma e Palermo - Trapani Oggi

Palermo | Cronaca

Agricoltori: soddisfazione dei sindacati dopo i vertici di Roma e Palermo

22 Febbraio 2024 15:06, di Redazione
visite 966

Ai rappresentati dei Governi nazionali e regionale è arrivata la voce degli agricoltori

Le organizzazioni professionali sindacali, dopo i vertici di Roma e di Palermo del 20 febbraio scorso manifestano soddisfazione per l'esito degli incontri tenuti nella Capitale con i Ministri Francesco Lollobrigida (Agricoltura) e Marina Elvira Calderone (Lavoro e Politiche Sociali) e nel Capoluogo di regione con Luca Sammartino (Assessore Regionale all’Agricoltura).

Ai rappresentanti dei Governi Nazionale e Regionale i sindacati hanno portato la voce degli agricoltori attraverso il "Documento Programmatico" redatto dagli agricoltori della provincia di Trapani e dalle Segreterie provinciali organizzazioni professionali sindacali (CONFSAL, COPAGRI, FEDER.AGRI, FNA, CONFAGRICOLTURA e LIBERI AGRICOLTORI), al termine della manifestazione che si è tenuta a Marsala il 16 ed il 17 febbraio scorso che ha visto la presenza di circa 1.500 manifestanti con la seguito oltre 250 mezzi agricoli.

Cipriano Sciacca, nella duplice veste di Segretario regionale Confsal e di Componente della Segreteria Nazionale di FEDER.AGRI, ha chiesto ai Ministri Francesco Lollobrigida e a Marina Elvira Calderone, di riconoscere tempestivamente i danni subiti dai viticoltori nei due ultimi cicli produttivi a causa dei cambiamenti climatici. Tutto questo prima che il vigneto Sicilia sia irrimediabilmente compromesso. Chiesto il riconoscimento della fitopatia della peronospora come causa idonea per accedere ai ristori previsti dal Fondo di Solidarietà Nazionale.

Sollecitata l'attivazione dei ristori contemplati da AGRI-CAT, il Fondo Mutualistico Nazionale che provvede al risarcimento dei danni alle produzioni agricole, considerando gli eventi atmosferici verificatisi come catastrofali (tra cui gelo, brina, siccità e alluvioni).

La produzione vitivinicola è stata compromessa dalle piogge abbondanti di aprile e maggio, che hanno favorito la diffusione della peronospora, e dall'eccessivo caldo registrato nel mese di agosto, che ha portato alla secchezza degli acini in fase di maturazione, con temperature che hanno superato i 45°C. Per queste motivazioni si chiede una deroga ad AGRICAT inserendo una variabile alle alluvioni per le piogge consistenti di maggio-giugno e una variabile alla siccità per le alte temperature di luglio-agosto. Infine Sciacca ha chiesto il coinvolgimento attivo dei sindacati insieme alle Istituzioni nella definizione di strumenti mirati per contrastare le pratiche sleali che alimentano speculazioni dannose nel settore agricolo, sottolineando l'urgenza di adottare misure concrete e incisive per garantire agli agricoltori un reddito dignitoso, riconoscendo il loro ruolo fondamentale: nella sicurezza alimentare, nella salvaguardia ambientale, nell’occupazione e nell'economia nazionale.

Positivo è stato anche l’incontro a Palermo con l’on. Luca Sammartino (Assessore Regionale all’Agricoltura) dalla rappresentanza sindacale composta da Enzo Daidone (ConfSAL Trapani) e Michele De Maria (FederAgri Trapani). Nel corso della riunione, è emerso un consenso unanime riguardo alla proposta della vendemmia verde, che costituisce il primo punto delle misure programmatiche volte a sostenere la vitivinicoltura. L'iniziativa è stata accolta positivamente in perchè promette un ristoro concreto in tempi ragionevoli.

Tuttavia, si è sottolineata l'importanza di definire criteri chiari per l'assegnazione dei fondi, tenendo conto delle crescenti necessità delle aziende agricole. Un'altra buona notizia riguarda la prossima erogazione del bonus caro energia (bonus carburanti), su cui l'assessore regionale si è espresso in modo esplicito e rassicurante.

Nel corso dell'incontro, si è discusso anche della prossima definizione delle procedure burocratiche e della modulistica per i ristori per i danni causati dalla peronospora. Sono stati affrontati anche temi cruciali come i cambiamenti climatici, lo stato degli invasi, la distribuzione dell'acqua per l'irrigazione e la durata delle autorizzazioni per il reimpianto della vite da vino. La riunione si è conclusa con un nuovo appuntamento di programmazione, durante il quale sarà affrontata la questione del Piano Vitivinicolo Regionale.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie