Trapani Oggi

Alcamo: la Polizia arresta i componenti di due bande del palermitano specializzate nel furto di cavi di rami - Trapani Oggi

Calatafimi Segesta | Cronaca

Alcamo: la Polizia arresta i componenti di due bande del palermitano specializzate nel furto di cavi di rami

19 Gennaio 2024 15:51, di Redazione
visite 2084

I cavi trafugati nel territorio di Calatafimi

Nell’arco di una settimana messe a segno due importanti operazioni di P.G. che hanno consentito di sgominare due bande palermitane dedite ai furti di cavi di rame ed al recupero di cospicui
quantitativi di materiale che, in piĂą riprese, era stato trafugato presso lo scalo ferroviario di
Alcamo Diramazione, ubicato in C/da Coriolano, a Calatafimi-Segesta.

A seguito della commissione di diversi furti di importanti quantitativi di cavi elettrici presso lo scalo ferroviario i poliziotti del Commissariato di Alcamo hanno intensificato i servizi di controllo del
territorio ottenendo, contestualmente, piena collaborazione da parte di Rete Ferroviaria Italia S.p.a. azienda che, vista l’escalation delle incursioni predatorie in quel sito, ha deciso di attivare un sistema di video sorveglianza con postazione di vigilanza remota.

La collaborazione si è rivelava preziosa. La notte del 28 dicembre scorso dopo una  giusta segnalazione pervenuta dalla sala di controllo di R.F.I. S.p.a., gli agenti del Commissariato alcamese, dopo un rocambolesco inseguimento, procedevano all’arresto di due pregiudicati palermitani i quali, vistisi scoperti, si davano a precipitosa fuga con un mezzo rubato, già caricato con diversi spezzoni di cavi elettrici di diverse sezioni.

Giunti in prossimità dello svincolo di Segesta, nel tentativo di far perdere le proprie tracce, i due ladri uscivano dall’autostrada percorrendo alcune strade interpoderali a questo punto solo grazie al valido supporto professionale fornito da una pattuglia dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Trapani spintasi in emergenza sino al territorio di Alcamo – i poliziotti alcamesi sono riusciti ad accerchiare il veicolo costringendolo a finire la propria corsa tra un vigneto.

I ladri, identificati per due pregiudicati palermitani rispettivamente di 21 e 22 anni specializzati in
reati predatori, sono stati tratti in arresto nella flagranza di reato per il delitto di furto aggravato e
ricettazione; denunciati in stato di libertà per il delitto di resistenza a P.U. poiché durante la fuga, in più occasioni, avevano tentato di speronare la volante ed avevano percorso un tratto di autostrada contromano.

Dopo l’udienza di convalida, ai due arrestati è stata applicata la misura cautelare del divieto di dimora nella Provincia di Trapani.

Analogo episodio si verificava nella notte tra il 3 ed il 4 gennaio scorsi allorquando gli agenti del
Commissariato di Alcamo organizzavano un mirato servizio di polizia giudiziaria che
consentiva di arrestare cinque pregiudicati palermitani – uno maggiorenne e quattro minorenni - che viaggiavano a bordo di un mezzo pesante già caricato con circa 3 tonnellate di cavi elettrici per un controvalore indicato per circa 14.000,00 euro. Celebrate le rituali udienze, rispettivamente presso l’Ufficio del G.I.P. del Tribunale di Trapani e del Tribunale per i Minorenni di Palermo, al maggiorenne è stata applicata la misura cautelare personale dell’obbligo di dimora, con permanenza domiciliare serale e notturna (contestualmente alla misura dell’obbligo di presentazione alla P.G. per tre giorni alla settimana), mentre, per i quattro minorenni, veniva disposta la misura cautelare personale del collocamento in comunità.

La pregevole valenza dei risultati investigativi conseguiti dai poliziotti del Commissariato di Alcamo e dagli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura
di Trapani hanno confermato l’efficacia di una strategia vincente per contrastare il fenomeno dei
reati c.d. “predatori”.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie