Trapani Oggi
Trapani Oggi

Venerdì, 25 Giugno 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Comune di Erice e ANPI celebrano la Festa della Liberazione - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Attualità
Erice

Comune di Erice e ANPI celebrano la Festa della Liberazione

23 Aprile 2021 19:20, di Redazione
Comune di Erice e ANPI celebrano la Festa della Liberazione
Attualità
visite 1162

Comune di Erice e ANPI celebreranno domenica, 25 aprile 2021, il 76esimo anniversario della Festa della Liberazione. Come già accaduto lo scorso anno, considerate le restrizioni imposte dalla pandemia, è stato deciso di organizzare un momento di ricordo in forma ristretta, per la mattinata di domenica (intorno alle ore 11.30), nella via Pietro Ermelindo Lungaro, proprio dinanzi la targa marmorea posta in memoria del partigiano ucciso nel corso dell’eccidio delle Fosse Ardeatine. Saranno presenti la sindaca Daniela Toscano, il presidente del Consiglio comunale Luigi Nacci ed una rappresentanza ristretta dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.«Credo sia fondamentale non dimenticare il passato e, in particolare, dare risalto ad un momento storico importante come il 25 aprile, spartiacque della storia che segna la fine della barbarie del nazifascismo – commenta il sindaco Daniela Toscano -. Per questo, raccogliendo l’invito dell’ANPI che ringrazio, abbiamo voluto organizzare una cerimonia che, seppur contenuta, è comunque simbolica, perché contribuisce a sottolineare l’importanza della Resistenza e della Liberazione e a non abbandonare il ricordo di chi ha lottato per questi valori, col sacrificio della propria vita, ponendo le basi per un Paese più civile e democratico».
Anche la Città di Mazara del Vallo celebra la Liberazione domenica 25 aprile. Considerate l'attuale emergenza sanitaria e le misure in vigore per il contenimento del rischio contagio, l'Amministrazione comunale celebrerà domenica la ricorrenza a partire dalle ore 10,30 dinanzi alla Statua del Milite Ignoto del lungomare, con una cerimonia in forma ristretta alla sola presenza del sindaco, del presidente del consiglio comunale, di una ristretta rappresentanza delle autorità militari e dell'Anpi, l'associazione nazionale dei partigiani italiani.

La cerimonia pertanto non prevede né cortei né la partecipazione della cittadinanza. Dopo la deposizione di una corona di fiori in memoria dei Caduti e l'esecuzione del "silenzio", il discorso commemorativo verrà affidato al vice presidente della sezione mazarese dell'Anpi, Leandro Bianco, mentre Catia Catania leggerà i nomi dei partigiani caduti nell'insurrezione per la Liberazione.
 Dalle ore 7,30 di domenica 25 aprile e fino a conclusione della manifestazione (conclusione prevista per le ore 11,30) con ordinanza del comandante della Polizia Municipale Salvatore Coppolino è istituito il divieto di sosta per tutti i veicoli, con rimozione forzata, nei due lati del tratto del lungomare Mazzini compreso tra la scalinata di via Punica ed il piazzale Quinci, mentre il transito dei veicoli verrà interrotto solo nel corso della cerimonia. 
A Castellammare del Golfo
Domenica 25 aprile alle ore 11,30, nella ricorrenza del 76° anniversario della Liberazione dal nazifascismo, il sindaco Nicolò Rizzo ed il presidente del consiglio comunale Mario di Filippi deporranno una corona d'alloro davanti al monumento ai caduti nella villa comunale Regina Margherita. Sarà presente un ristrettissimo numero di esponenti delle forze dell'ordine ed un rappresentante dell'Associazione Nazionale Partigiani d’Italia. Per l'emergenza sanitaria causata dal Covid – 19, la breve celebrazione per il 25 aprile non è aperta al pubblico.
Inoltre l’amministrazione comunale ha aderito alla manifestazione dell'Anpi ed invita a deporre un fiore sotto le targhe di vie e piazze dedicate ad antifascisti e partigiani.  
  «Anche quest'anno, continuiamo a lottare contro un nemico invisibile e onoriamo tutti i caduti facendo memoria dei combattenti che si schierarono a difesa della libertà per dare vita alla democrazia, fondata sul rispetto dei diritti umani e delle libertà individuali, senza distinzione di razza, di sesso, di idee e di religione dice il sindaco Nicolò Rizzo-. Stiamo vivendo un altro periodo storico di resistenza ed abbiamo bisogno più che mai di celebrare la nostra libertà. Abbiamo aderito all’iniziativa dell’associazione nazionale partigiani d’Italia ed invitiamo cittadini a deporre un fiore sotto le targhe di vie e piazze dedicate ad antifascisti e partigiani. A Castellammare abbiamo ad esempio: piazza Matteotti e le vie Alcide De Gasperi, Bruno Buozzi, Don G. Minzoni, Don Luigi Sturzo, Filippo Turati, Marzabotto, Sandro Pertini, Vittoria Nenni ed altre…».

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings