Trapani Oggi
Trapani Oggi

Sabato, 27 Novembre 2021

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Crisi comparto agroalimentare in Sicilia: CNA Trapani incontra i Sindaci dei Comuni - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

Crisi comparto agroalimentare in Sicilia: CNA Trapani incontra i Sindaci dei Comuni

16 Febbraio 2021 19:31, di Redazione
Crisi comparto agroalimentare in Sicilia: CNA Trapani incontra i Sindaci dei Comuni
Attualità
visite 1208

CNA Trapani si fa portavoce della grave situazione economica in cui versa il comparto agroalimentare e incontra i rappresentanti delle Amministrazioni locali. Così come in tutte le altre province siciliane, l’Organizzazione datoriale ha illustrato ai Sindaci dei Comuni il documento “Piattaforma filiera agroalimentare, Sicilia next 2021” redatto da CNA Sicilia, e già presentato anche al Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.A seguito di un’analisi dell’impatto “fortissimo” che le restrizioni dovute all’emergenza sanitaria hanno avuto sulle aziende dell’intera filiera- da quelle che producono materie prime alle cantine vinicole fino ad arrivare a settori strettamente interconnessi quali la ristorazione- Cna Sicilia ha messo nero su bianco una proposta operativa di sostegno e rilancio dell’intero comparto agroalimentare, chiedendo di attivare azioni specifiche nel territorio. Nel documento, infatti, vengono presentati in maniera bene articolata gli interventi a carattere regionale- inquadrati in una piattaforma a livello nazionale- che possano agevolare la “protezione e la ricostruzione” di questo settore importantissimo per l’economia dell’isola.
“Il comparto agroalimentare include il 30% delle 470 mila imprese siciliane- spiega il segretario provinciale CNA Trapani, Francesco Cicala- Non intervenire prontamente e concretamente a favore del settore, significherebbe mettere in ginocchio l’intera economia siciliana”.
Da qui la richiesta affinché la “Regione Siciliana assuma un ruolo rilevante in questa difficile fase, prevedendo una ulteriore azione di contributo economico a favore della filiera, affinché possano essere supportate anche le categorie ingiustamente escluse dai bonus previsti dal governo nazionale, a causa della scelta di adottare il solo parametro dei codici ATECO”.
Cicala precisa inoltre che, tra le azioni proposte a sostegno del settore, ve ne sono alcune che riguardano nello specifico la provincia di Trapani. Si tratta in particolare della richiesta di “favorire gli aeroporti minori eliminando l’addizionale comunale sui diritti di imbarco”, e di quella di “dare avvio alla liberalizzazione del trasporto turistico su gomma per incentivare e intensificare i collegamenti da e per gli aeroporti e i porti”.
Viene inoltre richiesta un’ulteriore proroga per tutto il 2021 dell’esenzione dal pagamento del suolo pubblico.
Tagliata su misura per la Città di Trapani, c’è poi la richiesta di sostenere l’Accordo di Programma Quadro in favore della cultura, per le città finaliste Capitale della Cultura 2022 (tra cui figura, appunto, anche Trapani) e per le capitali designate per il 2021 e il 2023. Una proposta condivisa dal Sindaco Tranchida, che ha preannunciato che si farà portavoce delle proposte della piattaforma CNA Sicilia con i Sindaci dei comuni più piccoli del trapanese.
Tra le richieste più importanti a livello regionale, c’è invece quella riguardante il prolungamento dell’orario di apertura, dalle ore 18 alle ore 22, delle attività di ristorazione nell’isola, quando è in vigore la fascia gialla.
“Abbiamo riscontrato ampia disponibilità- conclude Cicala- da parte degli amministratori locali a recepire le nostre proposte, tanto che hanno preso l’impegno di produrre atti deliberativi da inviare al Presidente della Regione e ai Prefetti, affinché vengano ulteriormente sollecitati gli interventi a favore di questo importantissimo comparto del sistema economico siciliano”.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings