Trapani Oggi
Trapani Oggi

Giovedì, 14 Novembre 2019

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Dopo domani lo Iacp propone Nuovi modelli abitativi. - Trapani Oggi

1 Commento

0

0

0

0

0

Testo

Stampa

Attualità
Trapani

Dopo domani lo Iacp propone Nuovi modelli abitativi.

01 Luglio 2019 14:31, di Redazione
Pietro Savona, direttore Iacp TRapani
Attualità
visite 861

Si svolgerà mercoledì, presso la Sala Riunioni dell’Istituto Autonomo Case Popolari di Trapani (Piazzale Falcone e Borsellino, 15), l'evento di presentazione del progetto “SohoViaPantelleria”, volto al recupero di 22 alloggi in un edificio in Via Pantelleria. Le abitazioni, suddivise in quattro tipologie, verranno realizzate secondo il principio dell'edilizia residenziale sociale, che è quello di garantire benessere abitativo e integrazione, grazie anche allo sviluppo di aree e servizi comuni. Il progetto prevede la ristrutturazione di un edificio condominiale situato a Trapani in via Pantelleria per un totale di 22 alloggi di diversa metratura che vanno da 52 mq a 59 mq, stanziati dal 1° al 6° piano.L'intervento prevede inoltre la riqualificazione del campetto di calcio in via Omero e dell'intera area attrezzata con la presenza di campi da gioco (campo da calcio a 5) e spazi dove saranno presenti giochi per bambini, sedute, piccole aree di ristoro e relax. L'opportunità di riqualificare questi spazi sarà fondamentale per ripopolare il quartiere di giovani, fornire nuove aree verdi attrezzate al vicinato e avere un luogo che venga utilizzato come punto d'incontro e di svago per le famiglie. Al primo piano sono stati previsti servizi integrativi per l'abitare che serviranno agli inquilini degli alloggi per poter sviluppare il senso di comunità, quali: una cucina comune, una sala living, una sala lettura e un’area relax, degli spazi.
Il social housing è la soluzione che sta a metà tra l’offerta pubblica dell’edilizia popolare e la vendita o l’affitto di proprietà immobiliari private a prezzi di mercato. L’obiettivo principale è fornire alloggi con buoni o ottimi standard di qualità, a canone più basso di quello di mercato. Inoltre, il social housing mira a sviluppare – nei nuovi contesti abitativi – la nascita di una comunità attraverso l’integrazione e l’utilizzo di spazi e servizi comuni tra gli abitanti. Il progetto è realizzato dall'Istituto autonomo Case Popolari di Trapani con il finanziamento dell’Unione Europea e del PO Fesr Sicilia 2014/2020 nell'ambito dell’Azione 9.4.1 che prevede “Interventi di potenziamento del patrimonio pubblico esistente e di recupero di alloggi di proprietà pubblica dei Comuni e ex IACP per incrementare la disponibilità di alloggi sociali e servizi abitativi per categorie fragili per ragioni economiche e sociali” e “Interventi infrastrutturali finalizzati alla sperimentazione di modelli innovativi sociali e abitativi ”.

© Riproduzione riservata

Commenti
Dopo domani lo Iacp propone Nuovi modelli abitativi.

piro

Ecco la ragione per la quale dobbiamo affrontare la questione in chiave urbatettonica (cioè " urbanistica e architettonica) a partire dal regime dei suoli, coinvolgendo storia della città  e storia del paesaggio all'interno del grande contenitore della sostenibilità . Ricerca edilizia sui materiali e sulle tecniche di costruzione, formazione professionale per capimaestri e maestri muratori, carpentieri in legno, operai muratori, ingegneri, architetti e geometri. Non lasciare la soluzione della questione abitativa a sciacalli del mattone e ad immobiliaristi d' assalto, bensì¬ siano le grandi e medie città  e i Comprensori dei Comuni ad istituire imprese edilizie comunali e ad incoraggiare piccole imprese private, tutto controllato da apposite istituzioni, dopo aver espropriato le aree del territorio comunale da destinare all' edificazione ed alle infrastrutture primarie e secondarie. Una legge urbanistica europea in termini di standards edificatori alla quale si uniformino quelle dei singoli Paesi comunitari. E concorsi, concorsi e concorsi coinvolgendo studenti in architettura e ingegneria. La città  italiana non ha bisogno di urbanisti, bensì¬ di ottimi pianificatori urbani, sociologi, storici e teorici dell' Urbatettura e del Paesaggio. La partecipazione dei cittadini deve costituire un saldo punto di partenza alla ricerca di quel consenso indispensabile ad una sana gestione sia del processo edilizio, in genere, che ad una rigenerazione (rivitalizzazione) sociale della città accelerando i processi d' implosione urbana ponendo l' accento sul sistema di pianificazione del tipo chiuso privilegiando la casa urbana ("townhouse" nei paesi anglosassoni) e tenendo conto delle trasformazioni sociali e demografiche in atto su scala globale e la conseguente formazione di nuclei familiari sempre più ridotti nel numero dei componenti. www.teorico.eu www.facebook.com/nicolo.piro.14

Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Altre Notizie