Trapani Oggi

Fino a giovedì 29 giugno ancora disagi nelle guardie mediche - Trapani Oggi

Trapani | Salute

Fino a giovedì 29 giugno ancora disagi nelle guardie mediche

26 Giugno 2023 06:16, di Redazione
visite 7129

Manca personale sanitario

La mancanza di personale sanitario a Trapani sta facendo saltare ancora i turni della guardia medica. La situazione di disagio permarrà fino alla fine di giugno. E così dopo le giornate di stop delle settimane scorse, la guardia medica è rimasta sabato 24 giugno ieri 25 giugno e rimarrà chiusa, domani 27 giugno, e giovedì 29 giugno. Ma disagi ci dovrebbero essere anche il 28 giugno nel turno notturno dalle ore 20 alle 8.

Insomma, da tempo si pone questo problema ma non si riesce a trovare dei medici che possano garantire il servizio di pubblica assistenza. (Nella foto l'avviso) -

Quindi ancora non è “scoppiata” l’estate, ma è già “scoppiato” il problema della mancanza di medici e questo accade in diverse postazioni di Guardia medica, sia di Trapani che di Erice e San Vito Lo Capo. “La questione è sempre la stessa – aveva già detto il commissario straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale, Vincenzo Spera-: manca il personale perché non riusciamo ad essere “attrattivi” per i medici. Abbiamo chiesto alla Regione di intervenire con incentivazioni di carattere economico”. Interlocuzioni, che investono anche i medici di medicina generale, nel frattempo, sono in corso con i sindacati". "La carenza di medici - aveva detto Spera nei giorni scorsi per sottolineare quali erano le cause che l'avevano determinata  - mette in difficoltà tutta la struttura sanitaria del territorio, pertanto si auspica che abbiano successo le diverse campagne di reclutamento, partendo dalle procedure concorsuali, che sono state disposte dall’Amministrazione sanitaria che ha anche cercato di sfruttare l’opportunità concessa da parte dell’Assessorato alla Salute, con il decreto col quale autorizza, anche per le selezioni a tempo determinato, la possibilità di poter attingere e formulare graduatorie di medici extraeuropee ed ha avviato una partnership con l’Amsi , l’Associazione dei  medici di origine straniera in Italia e il Movimento uniti per unire (Uxu), che riuniscono i medici iscritti agli Ordini dei medici nazionali e gli operatori sanitari di origine straniera operanti nella Penisola che provengono dalle più svariate località del mondo".

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie