Trapani Oggi

La Procura di Napoli ha disposto l'autopsia sul corpo di Gaspare Davì - Trapani Oggi

Trapani | Cronaca

La Procura di Napoli ha disposto l'autopsia sul corpo di Gaspare Davì

25 Marzo 2024 10:48, di Laura Spanò
visite 2118

Il marittimo trapanese è deceduto mentre eseguiva le operazioni carico di un traghetto

La Procura di Napoli ha disposto l’autopsia sul marittimo trapanese vittima di un incidente sul lavoro. Si tratta di Gaspare Davì di 44 anni, imbarcato sul traghetto Antares La tragedia, sabato sera, al porto di Napoli. L'inchiesta aperta dalla procura partenopea è coordinata dal sostituto procuratore Basso mentre le indagini sono eseguite dai militari della capitaneria di porto di Napoli.

Per cause ancora in corso di accertamento, il 44enne è rimasto schiacciato  da un carrello, un mezzo pesante utilizzato nella movimentazione della merce durante le operazioni di carico e scarico della nave che doveva salpare alle venti con destinazione Palermo.

Il feretro dovrebbe far rientro a Trapani tra venerdì e sabato. La prossima settimana i funerali alla Cattedrale San Lorenzo. Ieri mattina, la moglie Giovanna Cordaro ha raggiunto Napoli.

“Celere e immediato l’intervento dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale” si legge nella nota della port authority. “Era dal 2007 che nel porto di Napoli non avveniva un incidente mortale legato alle operazioni portuali di bordo, evento che negli anni successivi portò alla nascita, a Napoli come in altri porti italiani, del Sistema Operativo Integrato (SOI), un protocollo tra ASL, Autorità Portuale, Capitaneria di Porto, Ispettorato territoriale del Lavoro, Inail, Inps e imprese che ha contribuito ad abbattere gli incidenti sul lavoro spingendo sulla diffusione della cultura della sicurezza e sulla formazione”. Questo il commento del presidente dell’Autorità di sistema portuale campana, Andrea Annunziata.

“Esprimiamo il nostro cordoglio e la nostra vicinanza alla famiglia del lavoratore, ai lavoratori suoi colleghi e alle imprese portuali. Siamo vicini a tutte le persone coinvolte – continua – e a quelli che sono impegnati tutti i giorni in un lavoro così complesso e delicato come le operazioni di bordo. Come Autorità di Sistema Portuale sollecitiamo tutti, sempre, alla massima attenzione sui luoghi di lavoro. Non andiamo oltre le responsabilità, di cui si accerterà la Magistratura. Quello che è importante sottolineare è che il nostro sistema portuale è in continua crescita e non bisogna mai fare in modo che questa esigenza vada a danno della sicurezza. Il nostro obiettivo sarà sempre quello della tutela assoluta della sicurezza sul lavoro. Non ci può essere business senza la tutela della sicurezza sul lavoro”.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie