Trapani Oggi

Processo Ermes 2. Riduzione di pena e prescrizione per boss e indagati - Trapani Oggi

Mazara del Vallo | Cronaca

Processo Ermes 2. Riduzione di pena e prescrizione per boss e indagati

07 Febbraio 2024 05:45, di Redazione
visite 1277

Il giudizio era di rinvio, l'8 maggio 2022 la Cassazione aveva parzialmente annullato la prima sentenza di appello, ordinando che per 11 imputati venissero riviste aggravanti delle condanne

Ridotte dalla terza sezione della Corte d’appello di Palermo le pene agli imputati del processo di rinvio denominato «Ermes 2». Si tratta di un’operazione antimafia condotta nella provincia di Trapani. Il giudizio era di rinvio perché l’8 maggio 2022 la Cassazione aveva parzialmente annullato la prima sentenza di appello, ordinando che per gli undici imputati venissero riviste aggravanti ed entità delle condanne.

Nell’indagine effettuata dalla Squadra Mobile della Questura di Trapani, il 20 dicembre 2016, erano stati arrestati a Mazara del Vallo, Epifanio Agate, figlio del defunto capomafia Mariano, i fratelli Carlo Antonio e Giuseppe Loretta e Angelo Castelli. I Loretta rispondevano di associazione mafiosa, Epifanio Agate di estorsione aggravata dal metodo mafioso e intestazione fittizia di beni (le quote delle società My Land e Fishmar) per eludere la confisca.

Ecco le pene: Carlo Antonio Loretta è adesso sceso da 14 anni a 10 e 8 mesi; il fratello Giuseppe da 7 anni e 8 mesi a 5 anni; Grazia Maria Vassallo e Vita Anna Pellegrino, mogli rispettivamente di Giuseppe e Carlo Antonio Loretta, hanno avuto una riduzione di otto mesi, venendo condannate a un anno ciascuna; per Rachele Francaviglia, moglie di Epifanio Agate, che aveva avuto un anno e mezzo, è stata dichiarata la prescrizione; l’ex giornalista Filippo Siragusa (che si era dimesso dall’Ordine subito dopo avere appreso di essere indagato) ha avuto un anno e quattro mesi, con una riduzione rispetto alla condanna (due anni); Agate ha avuto 3 anni e 8 mesi, perché assolto già in primo grado dall’estorsione e condannato per l’intestazione fittizia; Angelo Castelli due anni per favoreggiamento aggravato. Prescrizione anche per Nicolò Passalacqua (aveva avuto un anno e 4 mesi), la cittadina russa Nataliya Ostashko (un anno e due mesi), e per il marito Francesco Mangiaracina (10 mesi e 20 giorni), cognato dell’ex capomafia mazarese Vincenzo Sinacori, da anni collaboratore di giustizia.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie