Trapani Oggi
Trapani Oggi

Lunedì, 26 Ottobre 2020

Trapani Oggi
Notizie Cosa Fare in città Video

Processo Quater Strage di Pizzolungo, il comune di Erice ha chiesto un milione di euro a titolo di risarcimento - Trapani Oggi

0 Commenti

0

0

0

3

4

Testo

Stampa

Cronaca
Erice

Processo Quater Strage di Pizzolungo, il comune di Erice ha chiesto un milione di euro a titolo di risarcimento

10 Dicembre 2019 14:35, di Laura Spanò
Processo Quater Strage di Pizzolungo, il comune di Erice ha chiesto un milione di euro a titolo di risarcimento
Cronaca
visite 3167

Un milione di euro da destinare alla creazione di un fondo per finanziare politiche di valorizzazione dei principi di giustizia sociale, legalità e contrasto alla criminalità organizzata, partendo tra l’altro da una efficiente gestione dei beni confiscati.E’ questa la richiesta a titolo di risarcimento di tutti i danni subiti, presentata nell’udienza di oggi, dedicata alla discussione delle parti civile, dall’avv. Domenico Grassa che rappresenta il Comune di Erice nel «Pizzolungo quater», il procedimento penale che si celebra a Caltanissetta nei confronti di Vincenzo Galatolo, rinviato a giudizio per la strage mafiosa di Pizzolungo del 2 aprile 1985, l’attentato contro il magistrato Carlo Palermo, nel quale persero la vita Barbara Rizzo Asta, di 33 anni, e i suoi gemellini di 6 anni, Salvatore e Giuseppe Asta. Una strage su cui, nonostante i 34 anni trascorsi e i ben tre processi effettuati, ancora non ha consegnato una completa verità, in particolare sui motivi che portarono Cosa nostra a colpire un magistrato che solo da quaranta giorni si era trasferito in Sicilia, a Trapani, dopo essere stato protagonista di delicatissime indagini presso il Tribunale di Trento.
Per la strage sono stati condannati all'ergastolo quali mandanti i capi mafia di Palermo e Trapani, Totò Riina e Vincenzo Virga, quali soggetti che portarono a Trapani il tritolo usato per l'autobomba, i mafiosi palermitani Nino Madonia e Balduccio Di Maggio. Il boss palermitano Vincenzo Galatolo, è al vertice di una famiglia, quella dell'Acquasanta, particolarmente vicina ad ambienti “deviati” dei servizi segreti.
Nel 1989, erano stati proprio i Galatolo ad aver organizzato il fallito attentato all’Addaura a Giovanni Falcone. Quell’attentato che lo stesso giudice aveva attribuito a “menti raffinatissime”. E la strage di Pizzolungo, nel suo contorno, presenta le medesime trame oscure. Il nuovo processo si è aperto grazie alle dichiarazioni della figlia “ribelle” Giovanna Galatolo e del pentito Francesco Onorato. Lo scorso settembre il procuratore aggiunto di Caltanissetta Gabriele Paci, al termine della sua requisitoria, ha chiesto una pena a 30 anni di carcere per il capomafia. Oggi, dopo tre mesi, si è tornati in aula con le discussioni delle parti civili del processo, i sopravvissuti all'attentato, il giudice Carlo Palermo, l’autista Rosario Maggio, e gli agenti di scorta, Raffaele Di Mercurio, Antonio Ruggirello e Salvatore La Porta.
Difesa dall'avvocato di Enza Rando, parte civile è anche Margherita Asta, la figlia più grande di Barbara Rizzo e sorella maggiore di Giuseppe e Salvatore, che da quel lontano 1985 continua a chiedere verità e giustizia.
Presente all’udienza di oggi, in rappresentanza del Comune di Erice, il vice Sindaco Gian Rosario Simonte ed ancora Margherita Asta ed il suo legale di parte civile, l’Avv. Enza Rando.

© Riproduzione riservata

Altre Notizie
Change privacy settings