Trapani Oggi

"Sanità nel caos", la denuncia di Tranchida - Trapani Oggi

Trapani | Cronaca

"Sanità nel caos", la denuncia di Tranchida

02 Settembre 2023 12:12, di
visite 2125

Il primo cittadino ha convocato una Conferenza dei sindaci: non si scherza con la salute

Pronto soccorsi, terra di nessuno. Caos, code, polemiche. Una emergenza che investe anche le guardie mediche e che non colpisce solo la città di Trapani ma l'intera provincia. Sanità, insomma, al collasso. “Così non va proprio – dice il sindaco Giacomo Tranchida - , non si scherza con la salute. Ospedali, pronto soccorsi e guardie mediche sono in crisi per non parlare delle infinite liste d’attesa. Da tempo sollecitiamo l’Asp come Conferenza dei sindaci e, sulle disfunzioni delle Guardie Mediche, ho cercato di richiamare l’Azienda sanitaria locale alle sue responsabilità”. L'emergenza, però, sembra non avere fine. “Ci vengono illustrate – spiega Tranchida - difficoltà nel trovare soluzioni, specialmente per quanto riguarda l'arrivo dei medici, perfino argentini, che faticano a trovare alloggi con contratti di affitto regolari. Ho recentemente discusso di questa situazione con il commissario dell’Asp Vincenzo Spera, ma il suo operato sembra ormai limitato” Il primo cittadino ha convocato una “Conferenza dei sindaci d'urgenza per giovedì prossimo alle ore 10 in sala Sodano, a palazzo d’Alì». A giugno 2023, sugli 85 sanitari previsti dalla pianta organica, prestavano servizio nei Pronto Soccorso del Trapanese solo 25 medici.” Una situazione – rimarca Tranchida – inaccettabile. Ho anche sollecitato i consiglieri comunali di maggioranza di Trapani a convocare un Consiglio comunale straordinario e aperto, coinvolgendo tutte le forze politiche e i cittadini trapanesi, per affrontare seriamente questa questione. La sanità – così come l'istruzione e la sicurezza - non deve avere colori politici ma devono garantire il benessere e la protezione di tutti e quindi l’invito è esteso a chiunque» aggiunge Tranchida. Frattanto, non si contano più le segnalazioni di disservizi e di ritardi nelle prenotazioni di visite: tutto riconducibile nella mancanza di personale. “Una problematica – riprende Tranchida - che il commissario dell'Asp Vincenzo Spera non riesce a risolvere e che mortifica il territorio”. Lo scorso maggio, i sindacati avevano denunciato che al “Sant’Antonio Abate”, nel reparto di Medicina interna, erano stati registrati episodi di ricoveri in sovrannumero rispetto ai posti disponibili. Per non parlare delle numerosissime segnalazioni – quasi giornaliere – che riguardano il pronto soccorso del s nosocomio trapanese: tra le 8 e le 12 ore di attesa per un “Codice Verde”, spesso dato con troppa sufficienza, e un sistema che non ascolta le problematiche del cittadino.

«È vero – dichiara Tranchida - che abbiamo elogiato - e da sindaco torno a farlo con gratitudine - l’apparato sanitario e gli sforzi straordinari durante la pandemia, ma ora è necessario concentrarsi sull'organizzazione di un sistema sanitario efficiente che salvi vite. Spero che vengano invitati al Consiglio comunale straordinario e aperto il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani, l'assessora regionale alla Sanità Giovanna Volo oltre che ovviamente il commissario dell'ASP Vincenzo Spera, perché questa situazione non può continuare a Trapani”. L'amara conclusione di Tranchida.

© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare
Altre Notizie